Uniti per la Cervelletta – Il testo integrale della lettera al Commissario Tronca e il dossier

7 maggio 2016 - Il “Pasticciaccio brutto della Cervelletta” non finisce mai. I tempi della burocrazia sono lunghissimi e, dopo due sentenze del TAR, il Dipartimento Patrimonio del Comune di Roma non è ancora rientrato in possesso delle chiavi del Casale Storico del XVII secolo nonostante le ripetute sollecitazioni del Coordinamento “Uniti per la Cervelletta”. Un bene pubblico dei cittadini romani che rischia di essere occupato abusivamente con le conseguenze che questo tipo di azioni comportano.
Dopo aver preparato un ampio dossier sul caso Cervelletta, sulla cui storia anche il Consiglio del IV Municipio ha espresso ripetuti dubbi (ben tre ordini del giorno tra affido e bando), il Coordinamento ha scritto una lettera al Commissario Tronca e al Presidente del IV Municipio della quale vi forniamo il testo integrale:

Al Commissario Straordinario di Roma Capitale Dott. Francesco Paolo Tronca
Al Presidente del IV Municipio Dott. Emiliano Sciascia
CC: Al Presidente della Regione Lazio Dott. Nicola Zingaretti
Al Direttore del Dipartimento Patrimonio, Sviluppo e Valorizzazione Dott. Luigi Maggio
Al Commissario di Roma Natura Dott. Maurizio Gubbiotti

Oggetto: Parco Naturale della Cervelletta e annesso Casale del XVII secolo
Il Coordinamento di cittadini e associazioni denominato “Uniti per la Cervelletta”, nato per sostenere la tutela di un importante Bene collettivo della cittadinanza e per sollecitare le Istituzioni a risolvere le note vicissitudini create dalla Determinazione Dirigenziale del Patrimonio (n. 786 del 27/11/2014 - protocollo 26642) e dal Bando Pubblico per l’assegnazione di alcuni appezzamenti ed annessi edifici rurali sulla cui legittimità ha espresso dubbi il Consiglio del IV municipio attraverso l’ODG n. 3/2016 e quello precedente n. 19/2015, avanza la proposta per un incontro al fine di un chiarimento complessivo sulla vicenda che a tutt’oggi non è ancora stata definitivamente risolta.
A tale riguardo dichiara che dopo la revoca della Determinazione Dirigenziale del Patrimonio n 786/2014, che affidava la custodia dell’area all’associazione “La Cervelletta” e la successiva sentenza del TAR che legittimavano tale revoca, non c’è stato il coerente atto di “riconsegna delle chiavi del Casale storico” e la tempestiva ingiunzione di sgombero degli occupanti.
Da quanto esposto scaturisce una forte preoccupazione dei firmatari della presente che sollecitano la tutela del Parco Naturale della Cervelletta; si sottolinea che i manufatti storici (Casale del XVII secolo con Torre del 1200) sono soggetti a vincoli della Sovrintendenza dei Beni Culturali e dal dettato costituzionale art. 9 che impone al proprietario del bene, in questo caso il Comune di Roma, la tutela e la preservazione dei beni paesaggistici e artistici; gli stessi sono pertanto patrimonio pubblico.
Il Coordinamento Uniti per la Cervelletta chiede al Commissario Straordinario di Roma Capitale Dott. Francesco Paolo Tronca e al Presidente del IV Municipio Dott. Emiliano Sciascia di attivarsi per:
• Esigere l’immediata restituzione da parte dell’Associazione La Cervelletta delle chiavi del Casale Storico altrimenti, in caso di inadempienza e dopo le due sentenze del TAR, il tutto si configura come un possibile reato di “occupazione abusiva di un bene pubblico” e quindi passibile di denuncia alle autorità competenti;
• Procedere alla messa in sicurezza dei beni storici (Casale ‘settecentesco e Torre Medioevale) e si intraprendano le pratiche di presentazione dei progetti per inserire questo Bene storico nelle iniziative culturali denominate Artbonus in carico al Ministero dei Beni Culturali e Turismo;
• Istituire l’immediata sorveglianza del Casale per assicurare una vigilanza H24 onde evitare vandalismi spiacevoli e/o occupazioni abusive;
• Si promuova al più presto e con la massima informazione un Bando Pubblico per la presentazione di progetti socio culturali per la salvaguardia e la tutela dell’area del Casale della Cervelletta e si inizi l’iter del necessario restauro;
• Di concerto con associazioni e cittadini interessati si attivi con la massima urgenza la verifica, il censimento, la custodia di libri, materiali, reperti ed effetti personali, contenuti nei locali del Casale (biblioteca e museuccio) al fine di poter restituire ai legittimi proprietari il materiale che fu prestato da alcuni cittadini alla precedente associazione che curava la custodia del Casale.

In conclusione, il Coordinamento ritiene che con i due “discutibili” atti del Comune di Roma (Determinazione Dirigenziale del Patrimonio n.786/2014 e Determinazione Dirigenziale n.294 del 16/4/2015 del Bando Pubblico per l’assegnazione di appezzamenti di terreno e fabbricati rurali) , che i cittadini hanno ribattezzato “Il Pasticciaccio brutto della Cervelletta”, è stato cancellato di fatto la possibilità per i cittadini romani di usufruire del Parco Naturale della Cervelletta ottenuto dopo lotta decennale e attraverso una raccolta di settemila firme in calce ad una legge di iniziativa popolare presentata ed approvata dalla Regione Lazio.

In attesa di una gentile risposta in merito, si porgono i più cordiali saluti.

Il Direttivo del Coordinamento di cittadini e associazioni
“Uniti per la Cervelletta

Roma li, 5 maggio 2016”

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 2192945  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti