Mettiamo il Casale della Cervelletta e la Torre medioevale sotto la tutela del FAI

4 luglio 2016 - Sosteniamo l’iniziativa proposta da un nostro lettore per fare in modo che il Casale ‘settecentesco della Cervelletta e la sua Torre medioevale finiscano sotto la tutela del FAI (Fondo Ambiente Italiano). Il progetto prende il nome “I Luoghi del cuore”, promosso dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo, e censisce a livello nazionale i piccoli e grandi tesori che i cittadini amano e che vorrebbero salvare. È una opportunità per evitare che uno dei beni storici della comunità finisca nel degrado e nell’abbandono. Le segnalazioni di tante persone a cui sta a cuore questo monumento potrebbero cambiarne il destino e riportare La Cervelletta alla giusta attenzione che merita.
Per farlo la strada è alquanto semplice, basta andare sul sito del FAI al link www.fondoambiente.it dove troverete in primo piano “Vota i luoghi che ti hanno fatto battere il cuore” oppure, in alternativa, si può andare direttamente al voto attraverso l’URL http://iluoghidelcuore.it/ . Cliccate su “VOTA ORA” e dopo aver selezionato Regione, Provincia e città scegliete La Cervelletta come il vostro luogo del cuore. Ad oggi La Cervelletta può contare solo su otto voti, vediamo quanti riusciamo a raggiungerne per focalizzare l’ attenzione su questo nostro patrimonio dei romani che per decisioni cervellotiche e discutibili dell’amministrazione capitolina è ora in stato di abbandono e degrado.

Chi è il FAI - Il FAI – FONDO AMBIENTE ITALIANO con il contributo di tutti
• cura in Italia luoghi speciali per le generazioni presenti e future
• promuove l’educazione, l’amore, la conoscenza e il godimento per l’ambiente, il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazione
• vigila sulla tutela dei beni paesaggistici e culturali, nello spirito dell’articolo 9 della Costituzione
Insieme a tutti coloro che lo sostengono – cittadini privati come te, istituzioni attente e aziende illuminate – si impegna perché il paesaggio italiano, i luoghi, i monumenti, i capolavori che hanno fatto e fanno la storia di questo Paese non vengano dimenticati. Siano invece protetti, rispettati e valorizzati. Nella convinzione che investire in cultura significhi non solo salvare il nostro passato e la nostra identità, ma anche produrre ricchezza con ricadute positive sull’occupazione e sul reddito.

Articoli letti: 2254964  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti