Sopralluogo nella scuola Balabanoff
Occasione per parlare di edilizia scolastica con i rappresentanti delle Istituzioni

17 aprile 2013Questa mattina, una delegazione composta dal sottoscritto e da Ermenegildo Colazza in rappresentanza delle associazioni territoriali di Colli Aniene (“Vivere a Colli Aniene”, “I nostri figli al centro della sQuola”, “Crisalide”, “Il Sussidiario”, "inFORMARE Onlus" e il “Comitato di Quartiere di Colli Aniene”), costituite in un Comitato Promotore, ha incontrato il Dr. Calogero Di Rocco del Dipartimento Edilizia Scolastica dei Lavori Pubblici di Roma Capitale e il Presidente della Commissione Politiche Scolastiche del V Municipio Claudio Fanasca. Ovviamente l’incontro si è tenuto alla presenza dei rappresentanti scolastici della scuola Balabanoff che ci ha ospitato in questa occasione.
Abbiamo chiesto interventi per le nostre scuole, che sono quasi tutte in una situazione di emergenza in termini di sicurezza per la vetustà degli edifici, e abbiamo ricevuto in risposta solo informazioni sui procedimenti burocratici che veicolano le richieste al Dipartimento, sui programmi di ristrutturazione edilizia delle scuole ingabbiati dalla legge finanziaria e gli immancabili rimpalli di responsabilità tra Comune e Municipio sulla gestione delle urgenze. Solo su una cosa eravamo tutti d’accordo ossia nel definire “Edilizia scolastica scellerata” quella che ha provveduto alla costruzione “molto in economia” dei plessi scolastici di Colli Aniene all’inizio degli anni ’80.
Abbiamo sentito poi parlare di progetti di ristrutturazione degli edifici scolastici avviati e, secondo il Dipartimento, mai fermati in cui sono comprese tutte le scuole di questo quartiere e che per ora hanno interessato solo la Ferdinando Santi e una “metà” della Balabanoff (l’edificio delle scuole medie). Parole, parole, parole, soltanto parole…
Scoraggiati? Certamente no, è il solito atteggiamento della politica quando è in difficoltà. Abbiamo partecipato a troppi incontri istituzionali per lasciarci condizionare da questo tipo di approccio. In maniera costruttiva abbiamo espresso il nostro punto di vista e abbiamo sollecitato una risposta seria alle nostre richieste. Abbiamo fermamente richiesto impegni atti a salvaguardare la sicurezza dei bambini e dal Presidente della Commissione Politiche Scolastiche del V Municipio Claudio Fanasca abbiamo ricevuto assicurazione che si sta provvedendo al rifacimento totale del tetto della Materna comunale Mary Poppins, che si sta già lavorando sulle infiltrazioni presenti nel Nido comunale La Mongolfiera Magica e sulla sostituzione dei pannelli del controsoffitto e sono in corso i lavori nella scuola materna Sommovigo per sistemare infissi e bagni. Inoltre il Presidente Fanasca ha preso l’impegno di farci pervenire la risoluzione votata in Consiglio Municipale con la quale si richiedono all’Assessorato ai Lavori Pubblici “interventi di massima urgenza per le scuole del V Municipio”.
È stata poi la volta del sopralluogo da parte della commissione nella scuola elementare Balabanoff per verificare lo stato assolutamente precario di questo edificio già più volte segnalato all’assessorato. Sono stati rilevati problemi di sicurezza sui maniglioni antipanico del portone di accesso della scuola, citofoni non funzionanti, WC accanto al teatro con pavimentazione fatiscente, WC adiacenti alla palestra con chiaro degrado dei muri per infiltrazioni, muri esterni molto pericolosi per ferri scoperti e distacco di pezzi di cemento, giardini pericolosi con buche e radici sporgenti, pannelli del controsoffitto mancanti risalenti alle infiltrazioni dell'anno precedente, insufficienza degli spazi necessari e della copertura per l’uscita secondaria della scuola, pavimentazioni sconnesse e tanto altro. Tutti problemi più volte segnalati dalla Dirigente Scolastica ma ignorati da chi poteva intervenire.
In ultima analisi desideriamo fare un appello a tutti i genitori affinché denuncino singolarmente e senza paura la situazione di pericolosità degli edifici in cui i propri figli stanziano per gran parte della giornata. Un bimbo che si fa male o diventa vittima di allergie da muffe o si prende broncopolmoniti per spifferi ed umidità è un bimbo che vive in un ambiente pericoloso e malsano, ambiente la cui responsabilità è del Comune. Quindi riteniamo giusto portare in evidenza i problemi e la responsabilità degli amministratori anche se questo dovesse portare alla chiusura temporanea di qualche scuola per giustificati motivi. Meglio agire oggi che… piangere domani.
Ed ora lasciamo parlare le immagini…

Antonio Barcella
www.collianiene.org
news@collianiene.org

Articoli letti: 1002489  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

Commenti

18 aprile 2013 Speriamo che questa sia la volta giusta e si prenda in seria considerazione lo stato nel quale la scuola elementare Balabanoff verte, certo, chiudere la scuola per fare i lavori e spostare i bambini, anche se momentaneamente, in un altro istituto non aiuterà alcuni genitori come noi, che dobbiamo barcamenarci tra orari di lavoro e scuola, che almeno per noi non coincidono per nulla, ricordo che presso Balabanoff è garantito sia il servizio di prescuola e per le media anche di doposcuola, sevizi che, per chi non ha i nonni , risulta utilissimo e fondamentale. Comunque ritornando alla stato fatiscente delle struttura, mi domando come mai alla scuola media gemella i lavori sono stati eseguiti e con i ragazzi dentro e qui ci sono tutte queste difficoltà e con tutte le denunce e sopralluoghi eseguiti si sono trovati solamente i fondi solo per riparare il solo tetto dove c’erano infiltrazioni….???? Franco

17 aprile 2013 (Fb) Spero che si muova qualcosa al piu presto... per la sicurezza dei bimbi e di chi lavora in quella scuola!!! Ilaria