Lettera aperta al nuovo Presidente del nostro Municipio IV (già V Tiburtino)

19 giugno 2013Caro Presidente, le Associazioni Vivere a Colli Aniene, Crisalide, Comitato di Quartiere Colli Aniene, inFORMARE, L’ANFITEATRO, costituitesi in Coordinamento di Associazioni, formulano i più sinceri auguri di buon lavoro nella nuova veste di Presidente del Municipio, assumendo l’impegno nei confronti della nuova Amministrazione Municipale a promuovere una interazione paritaria tra cittadini e amministratori. Un impegno finalizzato a perseguire piste di lavoro centrate sui Pilastri Strategici che sostengono il Programma dello stesso Sindaco Marino. E cioè:
1. TRASPARENZA nella gestione della cosa pubblica e monitoraggio dell’allocazione delle risorse pubbliche, economiche e finanziarie,
2. CENTRALITA’ DEL MERITO nella selezione della classe dirigente,
3. CULTURA DEI DIRITTI contro le pratiche clientelari e la cultura dei favori,
4. RINASCITA DELLE PERIFERIE nel rispetto di coloro che le abitano ma non ne possono più di essere considerati come “i dannati della terra” di fanoniana memoria.
Siamo consapevoli che non sarà facile. Il nostro Municipio con i suoi 200.000 abitanti è più popoloso Modena 185.000; Brescia 192.000; R. Calabria 180.000; Taranto 192.000…. Ma il nostro Municipio (come gli altri di Roma capitale) non ha un Sindaco con i poteri che sono conferiti ad un Sindaco. Di qui la relativa “sovranità limitata” dei Municipi.
La strumentalizzazione della “sovranità limitata” dei Municipi l’abbiamo già subita a nostre spese negli ultimi due anni. L’interlocuzione con il Municipio (quando c’è stata) sulle nostre proposte di riqualificazione del territorio, si infrangeva contro la dichiarata impotenza dell’Assessore di turno e/o dello stesso Presidente, che confessavano rassegnati: “non possiamo fare nulla, questo dipende dal Campidoglio”.
Ora, non vorremmo che la Campidogliodipenza (che pure c’è) diventasse un alibi ad una inerzia diffusa che riproduce in micro quelle pratiche che hanno portato al 5% il gradimento della politica da parte degli italiani. Ma noi vogliamo credere che non sarà così.
A lei, ed alla sua squadra, caro Presidente, il compito (gravoso ma sfidante) di risalire questa china e far tornare i cittadini a considerare la politica come la più alta espressione della cultura.
Per quanto ci riguarda, se l’Amministrazione Municipale si “metterà in ascolto”, nel nostro territorio promuoveremo pratiche e azioni sociali ispirate dalla democrazia partecipativa e deliberativa, puntando a sperimentare il principio della Sussidiarietà Orizzontale.
Un principio attraverso cui le istituzioni, “riconoscendo nei cittadini i titolari di un diritto ad agire per la soluzione di problemi, tenderanno a ri-adeguare i propri ordinamenti” (1). Un ri-adeguamento che sarà indotto dai risultati conseguiti con azioni di mainstreaming verticale (2) che conferiscono al Municipio una più piena sovranità.
Soltanto in questa prospettiva il Municipio si legittima e ri-acquista autorevolezza agli occhi dei cittadini, affrancandosi dal senso comune che lo indica come un “costo improduttivo”, sostenuto peraltro da contribuenti che, allo stato, ne farebbero volentieri a meno. Ma siamo certi che cambiare si può se lo vogliono insieme cittadini e istituzioni. Ma proprio per questo sarà necessario (e opportuno) restituire lo status di cittadini alle persone che per troppo tempo si sono sentite sudditi: i Cittadini si possono attivare e diventare risorse. I sudditi no.
Siamo convinti, peraltro, che per promuovere un processo di partecipazione attiva e inclusione sociale sarà necessario riportare le “Periferie al Centro” come auspica il Sindaco Marino.
Noi “non vi staremo con il fiato sul collo, come incalzava qualcuno durante l’incontro di venerdì 14 giugno a Colli Aniene con gli elettori. Noi vi sottoporremo progettualità tese a migliorare un quartiere “nato Modello”, ma che senza un presidio partecipato da cittadini e Municipio tenderà a declinare progressivamente verso il degrado.
Buon lavoro Presidente

Coordinamento Associazioni di Colli Aniene
www.collianiene.org
news@collianiene.org

__________________________
(1) La Carta della Sussidiarietà – Labsus, Marzo 2013
(2) Azioni capaci di impattare i sistemi e le pratiche preesistenti grazie all'individuazione di elementi innovativi, alla formalizzazione metodologica dei risultati, alla convalida ed al trasferimento dei risultati acquisiti.

Articoli letti: 1002625  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

Scarica il bando del Secondo Concorso Letterario Caterina Martinelli

Commenti