Rilevati sversamenti sospetti nel fiume Aniene

17 luglio 2013Ieri pomeriggio la Polizia Roma Capitale dell’VIII Gruppo e della Sicurezza Pubblica Emergenziale ha individuato un vasto sversamento di liquami biancastri nel fiume Aniene. La massa inquinante è stata rilevata all’altezza dell’Igrometro in via della Tenuta del Cavaliere nel VI municipio. Gli agenti hanno seguito lo spostamento dei reflui verso valle e nel contempo hanno allertato i funzionari della ASL e i vigili del fuoco. Sono stati prelevati campioni dalle acque sporche da sottoporre ad analisi mentre alcuni agenti hanno risalito il fiume nel tentativo di individuare la fonte di inquinamento.
L’Aniene nasce sul confine tra Lazio e Abruzzo dai Simbruini a Filettino e arriva fino a Roma. Le sue sorgenti servono per rifornire l'acqua a mezza provincia di Roma per un totale di mezzo milione di utenti. L'abbondanza e la continuità delle acque che lo alimentano fanno dell'Aniene un fiume di buona portata, che fu infatti utilizzato fin dall'antichità per alimentare acquedotti, e successivamente come risorsa per la produzione industriale locale e per la produzione di energia elettrica.
L'inquinamento idrico è un'alterazione degli ecosistemi che hanno come componente fondamentale l'acqua. La causa del fenomeno dipende da numerosi e differenti fattori, quali gli scarichi delle attività industriali e agricole e delle normali attività umane che giungono nei fiumi, nei laghi e nei mari. L’unico rimedio per evitarlo è il controllo preventivo con un monitoraggio attento delle acque.

Antonio Barcella
www.collianiene.org
news@collianiene.org

Articoli letti: 1002666  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

Scarica il bando del Secondo Concorso Letterario Caterina Martinelli

Commenti