Inquinamento atmosferico, oggi ferme le targhe dispari, domani è il turno delle pari

10 dicembre 2013Da dicembre a marzo. Sono questi i mesi più complicati per la qualità dell’aria che respiriamo. La ragione? Il cosiddetto ristagno atmosferico. A partire da mercoledì 4 dicembre la gran parte delle stazioni di rilevamento presenti in città ha fatto segnare il superamento dei limiti massimi consentiti dalla normativa per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico, limiti che sono fissati a 50 microgrammi per metro cubo di media giornaliera per le PM 10, le “famigerate” polveri sottili, e 200 microgrammi per metro cubo di media oraria per il biossido di Azoto.

Aumenta l'inquinamento atmosferico e tornano le "targhe alterne": oggi divieto di circolazione per le targhe dispari e mercoledì 11 dicembre per le targhe pari, compreso lo 0.

Il divieto di circolazione, esteso alla Fascia Verde, è in vigore dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30, fermo restando il divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti nella Fascia Verde, dalle ore 7.30 alle ore 20.30.

Esclusi dal divieto i mezzi elettricie ibridi, quelli a metano e a gpl, gli autoveicoli a benzina e diesel euro5, i ciclomotori con motore 4 tempi euro2 e 3.

La decisione è stata comunicata dall' Assessorato capitolino all'ambiente: "Vista la situazione di particolare criticità atmosferica e la conferma delle previsioni che indicano sull'area di Roma, per i prossimi giorni, la permanenza di elevate concentrazioni degli inquinant, l'amministrazione adotterà martedì 10 e mercoledì 11 dicembre il provvedimento di limitazione della circolazione veicolare a 'targhe alterne'".

Articoli letti: 3005205  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

Scarica il bando del Secondo Concorso Letterario Caterina Martinelli

Commenti