Storia e curiosità sui Personaggi delle vie di Colli Aniene:Battista Bardanzellu

24 settembre 2014 Battista Bardanzellu nacque ad Olbia il 16 settembre 1885 e morì a Roma il 31 gennaio 1956. Fu un avvocato, giurista e politico italiano nonché esponente del Partito Repubblicano Italiano. Lasciata giovanissimo la Sardegna si trasferì a Roma dove, nei primi anni del ‘900, si laureò in Giurisprudenza. Nel 1906 aderì al PRI e, dopo la Prima guerra mondiale, alla quale aveva partecipato come sottotenente dei Bersaglieri, riprese i contatti con i suoi amici repubblicani. Queste frequentazioni gli valsero l’inserimento nella lista dei “sovversivi” del Casellario Politico Centrale e lo costrinsero alla fuga e lo consegnarono alla clandestinità.
Fu comandante partigiano delle squadre romane del Partito d’Azione che combattevano come Brigata “Mazzini”, operava sui monti prenestini e in ciociaria durante l’occupazione nazifascista. Nel dopoguerra fu tra gli artefici della rifondazione del PRI, insieme a Giovanni Conti, Randolfo Pacciardi e Cipriano Facchinetti, di cui diresse l’amministrazione e la “Voce Repubblicana”. Perse la grande occasione politica alle elezioni dell'Assemblea Costituente tenutesi parallelamente al referendum del 2 giugno 1946 (Repubblica o Monarchia): la lista dei candidati del P.R.I., ove era inserito ai primi posti nel collegio “sicuro” della regione Sardegna, infatti, venne esclusa per motivi formali dalla Corte d'appello di Cagliari. Sfortunata fu anche la sua successiva partecipazione alle elezioni della Camera dei deputati nel 1948 e nel 1953. Divenne Consigliere comunale a Roma sino al 1956. Nel 1946 si dimise da assessore della Giunta Rebecchini, rifiutando l’alleanza tra democristiani, monarchici e qualunquisti. Tornò nella Giunta come assessore al Patrimonio nel 1952 e mantenne l’incarico per quattro anni, sino alla morte. Nella professione forense, la sua attività si specializzò particolarmente nelle vertenze immobiliari. Condusse per circa dieci anni la Rivista Universale Giurisprudenza e dottrina dell'editore Ciolfi; negli anni '30, ha tenuto una rubrica fissa sulla rivista bimestrale "La giurisprudenza della proprietà edilizia" e, nel 1936, i suoi articoli furono raccolti nel volume "Giurisprudenza civile e del lavoro". È stato consulente legale della "Confederazione italiana della Proprietà edilizia", vicepresidente de "Le Assicurazioni d'Italia", consigliere d'amministrazione dell'INA, consigliere delegato della Società Roma Nord, consigliere d'amministrazione dell'ACEA.
All’esponente repubblicano è stato intitolato nella Capitale un importante viale nel quartiere Colli Aniene.

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 1982902  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti