Un progetto di Open City per il “RISVEGLIO” di Colli Aniene

16 febbraio 2015 – Una interessante iniziativa per la rinascita di Colli Aniene è nata dal settore del commercio del nostro quartiere ma ha già trovato adesioni nelle associazioni, nei gruppi di lavoro per il sociale, nei cittadini che vedono in questa bozza di progetto un modo per sopperire alla cronica mancanza di spazi di aggregazione ed eventi in questo territorio. Per ora si tratta solo di una idea, che va sempre più consolidandosi, ed ha l’obiettivo di rendere più appetibile il settore commerciale di zona e di promuovere iniziative di festa e spettacoli che favoriscano l'incontro delle persone, puntando in particolare alla valorizzazione/recupero di quelle zone, tipo il parco Tozzetti, che sono lasciate completamente a se stesse e alla popolazione “notturna”. L’intenzione è quella di creare un circolo virtuoso di iniziative, di idee e di partecipazione che consentirà di avere un maggiore potere contrattuale sulle istituzioni per cercare di migliorare tutta la qualità della vita di questo territorio.
Tante proposte, forse troppe, ma questa è ancora una fase di “brainstorming” dove viene valutato tutto ciò che spesso resta solo nei sogni per poi consolidare solo le iniziative più concrete e realizzabili per il benessere socio-culturale del quartiere. Infatti, nell’ultima riunione del gruppo promotore, i presenti, presi dall’entusiasmo, hanno toccato argomenti come la moneta complementare, l’ economia di prossimità, il supporto informatico social oriented ma l’obiettivo primario è quello di riattivare il quartiere evitando la chiusura progressiva delle attività commerciali (che effettivamente farebbe di Colli Aniene un quartiere dormitorio) e sviluppare centri/iniziative di aggregazione più a misura d'uomo.
Il progetto RISVEGLIO intende coinvolgere tutti senza sventolare alcuna bandiera di colore politico. Potrebbe partire dalla creazione di un centro commerciale OPEN dove ogni commerciante sarà promotore di se stesso e degli altri. Per poi creare delle contrade cittadine e organizzare il carnevale di quartiere, adottare aree verdi, organizzazione eventi.
Altri ritorni positivi che potrebbero derivare da questo impegno è il “lavoro per i giovani” e l’inversione del fenomeno del fine settimana che vede la fuga delle persone dal quartiere per ammassarsi nei centri commerciali. Tutto questo si potrà fare attraverso idee semplici e, a volte, con iniziative più complesse: mercatino dell'usato, vendita on line di qualsiasi articolo commerciale, promozione eventi, una illuminazione unica a NATALE, una festa di PRIMAVERA, una festa del Santo PATRONO. Insomma un quartiere che VIVE! Auguriamo a Claudio Granatiero, l’ideatore e propositore del progetto, il massimo successo e non mancheremo di fornire il sostegno della nostra associazione.

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3003086  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti