Tor Sapienza già dimenticata dopo le proteste del novembre scorso

20 marzo 2015 - Tante chiacchiere e pochi fatti! Tor Sapienza è ancora alle prese con gli usuali problemi senza che sia stato messo in campo alcun correttivo per arrestarne il degrado. Un territorio della periferia romana abbandonato a se stesso e ai soprusi di turno. Oggi torniamo a parlare della situazione peggiore che i residenti di questo luogo continuano a sopportare con una pazienza stoica: i roghi tossici provenienti dalle discariche intorno al campo di via Salviati. Il CdQ di Tor Sapienza ha informato l’amministrazione capitolina che ci sono stati ben 111 roghi in 15 mesi (Gennaio 2014 -Marzo 2015), peggio delle emissioni di un impianto industriale siderurgico. Diossina immessa nell’aria che avvelena le persone e il territorio. È superfluo ricordare che i cieli non hanno confini e quell’aria avvelenata si diffonde in altri quartieri come Colli Aniene, Ponte Mammolo, Tor Cervara e colpisce oltre ai residenti anche gli ospiti dell’insediamento rom. Tutto questo avviene a 300 metri dagli uffici della polizia di stato del centro immigrazione, con una sfrontatezza ed una arroganza da parte dei piromani di chi sa bene di commettere un reato sul quale mantiene una strana impunità. Le continue denunce dei cittadini non trovano giustizia da parte di procure e forze dell’ordine che si limitano ad ascoltare i cittadini senza una reale lotta verso questo crimine. Un fenomeno che ha trovato spazio perfino in un servizio di Sky TG24: Cover Story - Viaggio nella terra dei fuochi di Roma .
Per quanto riguarda il lavoro dell’amministrazione capitolina per arrivare ad una soluzione, apprendiamo che c’è un progetto di inclusione per superare i campi rom ma, senza una reale schedulazione, è difficile credere alla possibilità che le parole divengano fatti. Sembra il solito modo di prendere tempo lasciando la situazione immutata.
Per il resto scene di ordinario degrado: cassonetti dati alle fiamme, strade scarsamente illuminate, strade fatiscenti, scarsa sicurezza, prostituzione in strada, discariche abusive, predatori di oro rosso. In linea con il resto della periferia romana.
Tor Sapienza è stata già dimenticata?

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3002944  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti