Campo rom via Salviati - Storia di una tragedia annunciata?

11 aprile 2015 - Muore una donna rom di 58 anni mentre l’ambulanza resta fuori dal campo rom di via Salviati fermata dai blocchi di cemento posizionati dall’amministrazione di Roma Capitale per impedire ai furgoni di portare nel villaggio rifiuti destinati a produrre roghi tossici. La prima considerazione che sorge spontanea è se esista relazione tra la barriera cementizia e la morte della donna rom. Purtroppo in questa guerra tra poveri, ossia tra i residenti di Tor Sapienza costretti a respirare roghi tossici quasi ogni giorno e la popolazione rom che si sente emarginata e lesa nei propri diritti, è difficile stabilire la verità di quel che accade e ogni episodio può essere interpretato attraverso la propria visione personale spesso condizionata dalla propria percezione. Per questo pubblichiamo i testi dei comunicati della Rete Territoriale Roma Est e del CdQ di Tor Sapienza, senza commentare quanto riportato e lasciando al lettore la possibilità di farsi una propria opinione dopo aver approfondito la notizia.

COMUNICATO DELLA RETE TERRITORIALE ROMA EST
10 aprile 2015 - "È la storia di una tragedia annunciata, verrebbe da scrivere. Annunciata da quando sono stati posizionati all'ingresso del campo rom di Salviati 2, quei maledetti blocchi di cemento (new jersey). Gli abitanti del campo hanno detto in ogni occasione che era una pazzia rinchiuderli dentro cosi. Lo hanno detto al comandante Di Maggio che ha risposto alle famiglie con lo spray al peperoncino. Lo ha ripetuto l’esponente dei rom di via Salviati all’Assessore Danese nella riunione con la Rete Territoriale Roma Est svoltasi in Assessorato il 24 di febbraio scorso e lo hanno detto pubblicamente ancora al Teatro Quarticciolo nell' iniziativa per il superamento dei campi realizzata il 13 marzo.
Tutti hanno urlato che in quelle condizioni “…non sarebbe riuscita a passare nemmeno un’ambulanza; e dire che siamo pieni di anziani, ammalati, donne incinte…”.
E allora, ambulanze e mezzi di soccorso non possono agire. Così muore una donna perché non è stato possibile soccorrerla. Muore davanti ai vigili urbani, che dovrebbero presidiare il campo ma non sono mai riusciti ad impedire un solo rogo, cosa che dovrebbe motivare la loro presenza. Così come nessuno ha mai spiegato la presenza di quei mastodontici blocchi di cemento, strumenti di una morte annunciata...
" (leggi il comunicato completo)

COMUNICATO DEL COMITATO DI QUARTIERE DI TOR SAPIENZA
11 aprile 2015 - "Il Comitato di Quartiere Tor Sapienza e tutti i suoi componenti esprimono le più sentite condoglianze ai familiari colpiti da tale lutto improvviso. Al contempo per chiarezza, trasparenza e amore sviscerato verso la verità si forniscono alcuni interessanti spunti di riflessione:
A) L'accesso al Campo Rom di Via Salviati, non è assolutamente bloccato, ma solo limitato per i mezzi di locomozione di dimensione più ampie;
B) Tale misura è stata adottata dal Comune di Roma, dopo le reiterate insistenze del C.d.Q, - protratte per 2 anni- volte a sostenere e dimostrare che il Campo Rom di Via Salviati e le sue immediate vicinanze sono la "base di stoccaggio e smistamento" di un immane , ILLEGALE traffico di rifiuti SPESSO TOSSICI che vengono ILLEGALMENTE scaricati, filtrati alla ricerca di materiale pregiato ( ferro e rame in primis);
C) Spesso tale opera di filtraggio rifiuti e ricerca di materiale prezioso assume la forma di ROGHI TOSSICI di dimensioni infernali, nei quali tali rifiuti vengono dati alle fiamme per estrarre e reperire più facilmente il summenzionato materiale pregiato. Tale "atteggiamento" ha trasformato Tor Sapienza, nella TERRA di FUOCHI di Roma EST, nel territorio di Roma Capitale, a 9 km dal Quirinale e dal Campidoglio ( dove anche in Bici si potrebbe arrivare)..."
(leggi il comunicato completo)

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3003121  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti