Firmato il Protocollo d’intesa tra il IV Municipio e il Garante per i detenuti di Rebibbia

13 aprile 2015 - San Basilio non è più il territorio che viene alla ribalta della cronaca solo per episodi negativi anche se i fatti di questi giorni sembrerebbero indicare il contrario. Oggi, ad esempio, il Centro Culturale Aldo Fabrizi è stato testimone della firma del protocollo d’intesa che estende i servizi anagrafici e i diritti di cittadinanza ai detenuti ospiti dell’istituto di pena di Rebibbia. Le firme apposte sull’accordo sono del Presidente del IV Municipio Emiliano Sciascia, dal Direttore dei diritti di Cittadinanza Dott.ssa Lucietta Iorio, dal Garante dei diritti della libertà personale Avv. Filippo Pegorari ed il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria Dott.ssa Maria Claudia di Paolo.
Con la firma di questo Protocollo d’Intesa il Municipio IV prende un impegno chiaro e preciso – ha dichiarato Emiliano Sciascia, Presidente del Municipio IV –. Non possiamo assolutamente permettere che i detenuti del Carcere di Rebibbia restino esclusi da quelli che sono i servizi essenziali per la dignità di ogni persona e di questi fanno parte sicuramente i servizi anagrafici che ci impegniamo a garantire”.
Per esempio gestire la propria condizione di genitore ed essere detenuto non è di certo facile – ha aggiunto il Presidente – ed il protocollo di oggi si applica proprio in questa direzione ed in quella di evitare il grave disagio che si può provare nel trovarsi sprovvisti di documenti al momento dell’uscita dal carcere.
“Garanzia di fruizione dei servizi essenziali e soprattutto, la possibilità di sentirsi parte integrante del tessuto sociale”. Così il Garante dei diritti delle persone private della libertà personale di Roma Capitale Avv. Filippo Pegorari, intende la firma del Protocollo con il Municipio IV e l'Amministrazione Penitenziaria. “Un progetto semplice ma ambizioso. Per la prima volta grazie a questo Protocollo d'Intesa – ha spiegato il Garante – vengono assicurati in via diretta, all’interno della città penitenziaria di Rebibbia i servizi che normalmente il Municipio fornisce a tutti i cittadini del suo territorio. Questo consentirà ai detenuti non soltanto la fruizione di diritti essenziali ma la possibilità di non sentirsi tagliati fuori dal mondo. Sarà per loro l'occasione di essere concretamente parte del tessuto sociale”.
“Rimuovere ostacoli, rendere la vita più facile per favorire recupero e integrazione fa parte di una idea di società inclusiva e generosa –
ha affermato Maria Muto Assessore ai Servizi Sociali del Municipio IV –. Questo si prefigge il protocollo firmato oggi che a costo zero aiuterà gli ospiti della Casa Circondariale nel percorso di riabilitazione e di recupero e soprattutto a trovare anche le ragioni per una vita diversa fuori dal carcere”.

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3003135  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti