Il parco Baden Powell e l’impianto d’illuminazione “orfano”

13 gennaio 2016 - Si è tenuto ieri mattina nel parco Baden Powell il secondo incontro tra il IV Municipio con la presenza dell’assessore ai Lavori pubblici Eraldo Guardati, le rappresentanze del Servizio Giardini e di ACEA e le associazioni “I nostri figli al centro della sQuola”, “Vivere a Colli Aniene” e, per la prima volta, il CdQ Colli Aniene Bene Comune. È certamente deludente per chi scrive sostenere che si è trattato dell’ennesimo sopralluogo, dopo quelli del 2011, 2013, 2015 che non ha portato a nulla di concreto in merito alle richieste sostenute da una petizione firmata da quasi milleseicento residenti del quartiere. L’impianto fotovoltaico realizzato nel parco nell’anno 2002 con tecnologia ecologica sperimentale e finanziato con il denaro pubblico attraverso un progetto della giunta Veltroni (l’ultimo sindaco che ha fatto qualcosa di concreto per Colli Aniene), udite bene, non è in carico al Patrimonio di Roma Capitale e quindi non rientra nella responsabilità di alcun ente. Ancora una storiaccia di “mala gestione” in cui un bene pubblico viene abbandonato all’incuria e al degrado, realizzato solo per spendere il denaro del contribuente. Attenzione, non stiamo accusando nessuna specifica persona di quanto accaduto, se ci fossero irregolarità sarebbe compito della Procura indagare, ma di certo vogliamo mettere in discussione un sistema burocratico complesso che veramente non comprendiamo e non accettiamo. Un sistema composto da scatole chiuse e compartimenti stagni che serve solo per rimpallare le responsabilità e prendere tempo per arrivare alle scadenze elettorali senza risolvere mai nulla. Il “povero” assessore Eraldo Guardati ha provato a spiegarlo all’uditorio ma di fronte alle facce stupite e imbarazzate dei presenti e alle piccate repliche avrà capito, forse, che è un sistema indifendibile e che va fortemente modificato perché così non si va da nessuna parte. Di certo non è compito suo cambiarlo ma pensate voi se questo sistema, voluto dalla politica per non rispondere mai al cittadino, possa essere riscritto proprio da chi da esso ne trae un vantaggio notevole. Scusate lo sfogo ma sono cose che come contribuente non accetto! Questa è realtà e non posso liquidarla con una risata come se fossi in un film di Checco Zalone.
Tornando all’impianto di illuminazione “orfano”, la conclusione del sopralluogo è stata la dichiarazione da parte di ACEA e del Municipio che si tratta di un IMPIANTO DI DIFFICILE GESTIONE E FATISCENTE che non può essere ripristinato e per il quale l’Assessore ai Lavori pubblici Eraldo Guardati farà richiesta di un nuovo progetto all’amministrazione di Roma Capitale.
Concludo ricordando che a Giugno prossimo ci saranno nuove elezioni amministrative ed è facile prevedere che fra due anni, come accaduto nel 2011, 2013 e 2015, faremo ancora incontri nel parco Baden Powell per lo stesso problema per il quale riceveremo le stesse risposte.
L’incontro si è successivamente spostato al parco Tozzetti per lo stesso problema di scarsa illuminazione, ma questa è un’altra storiaccia di mala gestione che vi racconteremo un’altra volta.

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org


Articoli letti: 3003060  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti