Si alza la protesta contro i roghi tossici: tanti lenzuoli bianchi alle finestre

1 febbraio 2016 - La protesta per il diritto di respirare aria e non diossina non ha colore politico e si spande a macchia d’olio lungo tutta la periferia romana. Un problema che continua ad essere sottovalutato dalle istituzioni, che crea esasperazione nelle persone sottoposte quasi quotidianamente a questo stillicidio. Perfino il prefetto Gabrielli ha espresso recentemente la difficoltà a perseguire questo tipo di reato che molte persone hanno interpretato come la resa delle istituzioni di fronte a questa angheria. Il Presidente del Comitato Beltramelli-Meda Fabrizio Montanini ha pubblicato il seguente comunicato sul suo profilo Facebook: “Vittime dei roghi tossici e del silenzio istituzionale - Delle colonne di fumo nero ‘alla diossina’ che si alzano nel cielo delle nostre periferie quotidianamente. A pochi metri dalle nostre case. E non più di 10 km dal Quirinale. Monta la protesta di migliaia di cittadini. Per questo, numerosi comitati di quartiere e associazioni di Roma, sulla spinta delle continue e persistenti proteste da parte degli abitanti più colpiti dal fenomeno dei roghi tossici provenienti dai campi nomadi disseminati in ogni angolo della città, hanno deciso di attuare una serie di proteste che puntano a sollevare l’attenzione a quella che è ormai una vera e propria emergenza.
Non è più tollerabile il silenzio da parte delle autorità e delle istituzioni, alle quali si chiede di mettere una volta per tutte la parola fine.
Le esalazioni nocive sono prodotte in gran parte dagli stessi abitanti degli insediamenti abusivi, o dei villaggi attrezzati della Capitale. Provengono dalla combustione dei rifiuti smaltiti illegalmente o per recuperarne rame e ferro, mettendo in pericolo la salute nostra e dei nostri figli.
Questa attività illegale, attualmente viene svolta nella più totale indifferenza da parte delle istituzioni che dovrebbero avere a cuore l’incolumità dei cittadini: Prefettura, Regione, Campidoglio e Governo. Quello che a gran voce da anni viene chiesto è il più sacrosanto dei diritti: quello alla salute sancito anche nella Costituzione.
Finora la città ha assistito solo a reazioni timide, saltuarie, inefficaci e dispendiose. Per questo, i cittadini, ormai stremati da tanto immobilismo, hanno deciso di alzare la voce, sotto un unico coordinamento di comitati dal nome 'Basta roghi criminali', mettendo in essere una serie di proteste che si svolgeranno in diversi punti della Capitale.
L'esposizione degli striscioni con la scritta 'Basta roghi criminali', o di semplici lenzuoli bianchi, rappresenta solo l’inizio. La prima di una lunga serie di manifestazioni con l'unico scopo di obbligare le autorità competenti a porvi rimedio. Ci chiediamo dove siano il Prefetto Franco Gabrielli e il Commissario straordinario di Roma Capitale Paolo Tronca. Sicuramente distanti dalla grave situazione in cui versano le periferie romane.
L’unica via d’uscita, secondo il coordinamento che ha natura totalmente apartitica, è il superamento del 'sistema campi nomadi', che sono ormai dei 'lager di Stato'. Contrastare il traffico illegale di rifiuti, quelli che alimentano anche le industrie italiane, e che di fatto hanno creato nei nostri quartieri una “terra dei fuochi bis”.
URGONO Provvedimenti in nome della legalità. Disponibili ad un tavolo di confronto con le istituzioni di questa città.
ROMA E I ROMANI, non hanno più tempo.

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3003190  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti