Il Consiglio del IV Municipio esprime un ODG sulle Multe collettive AMA

4 febbraio 2016 - Sotto la spinta dei cittadini e delle Associazioni il IV Municipio esprime un Ordine del Giorno in merito alla questione delle Multe collettive AMA per errato conferimento rifiuti in condomini in regime di raccolta differenziata. Ricordiamo che l’Associazione Vivere a Colli Aniene insieme ad altri cittadini era stata ricevuta in audizione il 5 novembre 2015 per presentare una formale protesta in merito al principio costituzionale che ogni individuo è responsabile delle proprie azioni e non può rispondere del comportamento errato di altri. L’appello è stato accolto dalla Commissione Ambiente e dal Consiglio del IV Municipio che in data 3 febbraio ha approvato il documento che riportiamo più avanti. Si tratta solo di un primo passo perché il Municipio non ha potere in materia e AMA si fa forte di un regolamento, scritto e approvato con molta superficialità dal Comune di Roma, che autorizza AMA a sanzionare i cittadini in maniera collettiva. Un regolamento che appare quantomeno incostituzionale ed è avvertito dalla gente come un sopruso insopportabile. Multare un cittadino per le colpe di un altro equivale a condannare una persona per un reato commesso dal fratello o da un altro parente. E’ giustizia questa? Lo chiederemo presto al Prefetto Dott. Francesco Paolo Tronca Commissario Straordinario per la provvisoria gestione di Roma Capitale. Nel frattempo AMA continua a multare interi condomini di Colli Aniene, ad un ritmo che non ha precedenti, facendo apparire l'operazione ai cittadini come un "modo di fare cassa".

Il Consiglio del Municipio Roma IV, riunito in seduta ordinaria il 3 febbraio 2016,

Premesso che

La raccolta differenziata è una necessità per la comunità e va fatta in maniera corretta ripartendo correttamente il rifiuto nei vari contenitori messi a disposizione AMA;
nella cittadinanza è ormai consolidata la convinzione che la raccolta differenziata vada fatta ed ampliata quanto prima a tutta la cittadinanza residente del Comune di Roma;
oggi non è più in discussione nell’opinione pubblica e nei cittadini il sistema di raccolta Porta a Porta in quanto tale, ma è in corso un confronto volto all’analisi del sistema in essere e alla ricerca di soluzioni condivise con AMA, Amministrazione, cittadinanza, per trovare le migliorie da apportare al servizio;
è in vigore nel Comune di Roma il Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti.

Considerato che

Nei casi venga riscontrato un errato conferimento dei rifiuti nei contenitori condominiali, e solo quando trattasi di raccolta porta a porta, la società AMA procede nel sanzionare l’intero condominio senza individuare il singolo condomino eventualmente responsabile del comportamento errato;
giungono segnalazioni da parte dei cittadini che il personale AMA, a seguito delle operazioni di ritiro dei materiali, lascerebbe aperte le porte degli stanzini condominiali che ospitano i cassonetti, facendo si che chiunque, anche esterno al condominio, possa commettere l’infrazione poi oggetto di verbale e multa;
il provvedimento appare penalizzante verso i cittadini che eseguono correttamente la raccolta e che si trovano a dover rispondere di una sanzione ingiustamente di portata generale inflitta da AMA ai condomini tutti;
la sanzione così comminata viene vissuta come un abuso anche alla luce del fatto che il sistema di raccolta porta a porta necessiterebbe di una più alta qualità del servizio da parte di AMA e di una maggiore formazione dei cittadini in merito alla separazione dei materiali affinché i comportamenti dei cittadini stessi possano essere più puntuali e rispondenti alle esigenze della raccolta differenziata;
la sanzione viene comminata in assenza totale di contraddittorio con verbale di accertamento della condotta illecita che indicherebbe formalmente come ignoti i responsabili della condotta medesima;
il verbale redatto senza contraddittorio dal personale AMA non dà la possibilità, ai sanzionati, di contestazione immediata.

Il Consiglio del Municipio IV
Impegna
Il Presidente del Municipio ad operarsi affinché:

venga esteso a tutta la cittadinanza, nei tempi più rapidi possibili, il sistema di raccolta porta a porta;
venga modificato l’articolo 61 del titolo VI, capo II, del Regolamento Comunale per la Gestione dei Rifiuti Urbani, affinché l’accertamento effettuato su utenze condominiali soggette al sistema di raccolta differenziata Porta a Porta, venga effettuato in loco in contraddittorio tra l’accertatore AMA e un rappresentante indicato dal condominio oggetto di accertamento;
venga al più presto attivato da parte del Comune di Roma un sistema di RFID (Radio Frequency IDentification), a mezzo codici a barre sui sacchetti o tecnologie equivalenti in termini di riconoscibilità del produttore dei materiali di scarto, affinché le sanzioni e le tariffe possano essere individuate in base alla reale produzione di rifiuti delle singole utenze di ogni singolo cittadino, e in ragione di un principio di equità, nel mentre della estensione a tutti i cittadini della raccolta porta a porta che per la raccolta differenziata stradale;
vengano programmati con ricorrenza costante predefinita degli incontri informativi sulla raccolta differenziata con i cittadini e presso le scuole, i centri anziani, i comitati di quartiere ed altri luoghi di aggregazione del IV Municipio.

Il Presidente del Consiglio pone in votazione la suddetta proposta di ordine del giorno per procedimento elettronico.

Procedutosi alla votazione nella forma indicata, il Presidente del Consiglio, assistito dagli scrutatori, ne riconosce e proclama l'esito che è il seguente:

Presenti: 20 - Votanti: 20 - Maggioranza: 11
Voti Favorevoli: 16 (Barbuto, Brescia, Catini, Corrado, Di Loreto, Esposito, Ferlito, Leobruni, Mosetti, Pinsone, Potasso, Rossi, Stella, Umberti, Vasselli, Zanghi)
Voti Contrari: /
Astenuti: 4 (Mariani, Ottaviano, Santoro, Scerbo Polverato)

A seguito del risultato di cui sopra, il Presidente del Consiglio dichiara che l'ordine del giorno è approvato all’unanimità ed assume il n.1 degli ordini del giorno dell'anno 2016.

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3003092  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti