Anche il Villaggio Olimpico si ribella alle Multe AMA

23 febbraio 2016 - Dopo Colli Aniene, anche i residenti della zona del Villaggio Olimpico si sono ribellati alle Multe AMA che stanno tartassando i cittadini romani. Una residente – secondo quanto riportato dal sito web RomaPost - ha presentato perfino un esposto alla Procura chiedendo di indagare in merito a possibili reati. La signora ha basato la sua segnalazione sostenendo che i contenitori dei rifiuti per la raccolta differenziata “sono stati allocati in area privata, senza previo consenso dei proprietari” e “anche in periodo invernale odori nauseabondi provengono dai contenitori posti sotto le finestre delle abitazioni”, provocando “l’aumento della presenza di ratti, zanzare”.
Si è espresso sulla questione anche il II Municipio dopo che il Consiglio del IV aveva già emesso un OdG per fare chiarezza sull’argomento: “I cittadini hanno portato alla nostra attenzione dei verbali emessi da Ama per sanzionare l’errato differimento dei rifiuti all’interno dei bidoncini collocati sotto ai piloti delle abitazioni. La commissione ha preso atto che i verbali non sono stati indirizzati soltanto al condominio, ma a tutti i condomini. Durante la riunione è inoltre emerso un ulteriore problema relativo alla legittimità della collocazione dei bidoncini all’interno dell’area piloti, considerata privata ma aperta al pubblico transito e fruibile anche a non residenti. Tutto ciò ha determinato una penalizzazione ai residenti che si son visti recapitare una sanzione nominativa al cospetto di un’ unica multa al condominio, i cui referenti sono stai convocati con largo anticipo senza presenziare alla riunione, per poter trovare risposte adeguate al caso”.
Le associazioni di Colli Aniene e i cittadini attivi informano i residenti che non intendono limitarsi alla protesta, pur legittima e insostituibile per “stanare” le Istituzione e provare a farle migliori, ma si impegneranno a:
1. sollecitare AMA ad avviare insieme ai residenti attività educative ed informative nei confronti dei cittadini e degli Operatori Ama per farli agire con consapevolezza ed efficacia in merito alle attività di differenziazione dei rifiuti;
2. Individuare e sperimentare un sistema per arrivare alla individuazione del vero colpevole della ripartizione errata del rifiuto (etichettatura dei sacchetti) come avviene in altre città italiane;
3. Diminuire la quantità di scarti alla fonte intervenendo sugli esercizi commerciali per fornire alternative agli imballaggi di polistirolo, spesso inutili, che producono una gran quantità di rifiuti;
4. elaborare progettualità da proporre ad AMA ed al Commissario Tronca con le quali intervenire con Azioni di Sistema finalizzate a trasformare i rifiuti da Problema a Risorsa.
È in via di completamento la documentazione da spedire al Commissario Tronca con le nostre proposte e la richiesta di porre fine all’ingiusto balzello. Nel frattempo è ancora possibile firmare la nostra Petizione on line o raccogliere firme nei condomini attraverso il modulo prelevabile dal nostro sito web.

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3003242  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti