Azioni premianti per l’adozione di aree verdi pubbliche
Il parere del Presidente dell’Associazione l’Anfiteatro

13 aprile 2016 - Riceviamo e volentieri pubblichiamo: "La stima per Nicolò Corrado, sia come persona, sia come 'amministratore della cosa pubblica' mi fa condividere integralmente il giudizio di Antonio Barcella che ragiona su questo primo passo nella direzione da noi sempre indicata. Cioè a dire avviare e concretizzare azioni premianti nei confronti di tanti cittadini attivi che, nonostante tutto, si ostinano a continuare in questa strada delle adozioni di Aree Verdi pubbliche sostanzialmente abbandonate. Una strada tutt’altro che piana.
Nicolò Corrado conosce molto bene il lavoro della nostra Associazione, L’Anfiteatro, che a giugno festeggerà il 4° Compleanno dei cui festeggiamenti potete vedere una prima, ancora grossolana, bozza di locandina ancora in progress. Così come ancora in progress è l’organizzazione dei festeggiamenti. Peraltro, il Presidente della Commissione Ambiente del IV Municipio conosce molto bene l’approccio costruttivo de l’Anfiteatro nei confronti delle istituzioni, di prossimità (Municipio IV) e centrali (Dipartimento Ambiente e Servizio Giardini del Comune di Roma).
E dunque sa anche che nel nostro rispetto per le Istituzioni non ci sono né subalternità, né collateralismo, ma pensiero critico e azioni progettuali. E questo poiché siamo consapevoli ché il conformismo e l’appiattimento può avere 'cittadinanza' in chi, per storia e per 'cultura' ha sviluppato una naturale propensione verso chi comanda. Ma questa “cultura” non aiuta certo chi aspira a dirigere e a governare con onestà intellettuale la cosa pubblica valorizzando le pratiche sussidiarie con le quali mettere al centro gli interessi dei cittadini che, peraltro, pagano tante tasse. Oddio, poi c’è anche chi come noi, masochisticamente e volontariamente, ne paga anche di più del dovuto di tasse: e sono le oltre 300 famiglie di Colli Aniene che si autotassano per tenere curati, belli e godibili i i giardini. Giardini che non sono di loro proprietà, MA SONO DI TUTTI.

Con questo spirito verso la fine dello scorso anno, di concerto con il Municipio, e segnatamente con il Presidente della Commissione Ambiente, come Anfiteatro, in partnership con l’Associazione Er Gazebo di Colli Aniene avevamo progettato una iniziativa seminariale insieme ad altre associazioni adottanti Aree Verdi pubbliche, tutte ugualmente interessate al miglioramento degli strumenti da tutti considerati inadatti e controproducenti. Una iniziativa con la quale si sollecitava l’allora Assessore Estella Marino a dare corso ai suoi impegni assunti pubblicamente , finalizzati a rivedere integralmente quegli strumenti che ancora oggi regolano le relazioni tra organismi Adottanti e Assessorato. Ma la crisi della Giunta Marino non ha consentito di procedere. Ma stiamo tornando alla 'carica', la nuova Giunta non potrà soprassedere. Intanto stiamo ragionando sulla possibilità di trasformare l’iniziativa in un micro evento da realizzare durante il 'cammino' verso la Festa.

E dunque, ok all’Odg del Consiglio del Municipio IV. Ma non basta. È necessario riscrivere Convenzione e disciplinare manutentivo che ostacolano di fatto l’ulteriore sviluppo di pratiche che hanno già dato grandi risultati, sia sul versante dello spirito sussidiario che le informa, sia sul versante economico che, come segnala Nicolò Corrado, non è affatto da sottovalutare.
(antonio viccaro)
"

www.collianiene.org
news@collianiene.org

Articoli letti: 3003130  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti