Quando la burocrazia sfiora il ridicolo – Campidoglio: “Non potete ripulire le aiuole”

16 aprile 2016 - È bene far partire questo articolo da una considerazione che non ammette repliche: “Roma è dei romani”… e non di quei burocrati di turno che vengono ad amministrare questa città senza conoscere nulla di questo luogo e dei suoi abitanti. Pensiamoci bene al momento di scegliere al prossimo turno elettorale se vogliamo che questa metropoli sia amministrata da chi non sa neppure dove siano posizionati i quartieri di Tor Sapienza o Tiburtino III e quindi non conosce neppure pregi e difetti di una periferia che soffre. Questa riflessione ad alta voce nasce da un episodio di ordinaria burocrazia che, più che renderci perplessi, ci fa inferocire. Chiariamo subito che è un fatto che non c’entra nulla con Colli Aniene e il Tiburtino ma, per la sua gravità, è una vicenda che coinvolge tutta la città. Il tutto nasce dalle disposizioni impartite dai Commissari al governo di questa città che chiedono ai dipartimenti di applicare alla lettera il regolamento comunale senza usare un briciolo della storica giustizia di re Salomone. Avevano adottato le aiuole del quartiere preoccupandosi di annaffiare fiori e piante, che la terra intorno fosse pulita senza essere sommersa da cartacce o deiezioni canine. Si rimboccavano le maniche per la comunità e a spese proprie mantenevano un po’ di decoro dopo tanto abbandono. Ma ai cittadini che avevano “adottato” le aiuole di via Venturi e via Ruspoli, al Portuense è arrivata la comunicazione del Dipartimento Ambiente del Comune che dichiara «inefficace» il patto stipulato alla fine dello scorso anno con l’XI Municipio: le aree prese in carico sono di esclusiva competenza comunale, quindi meglio desistere altrimenti si è fuorilegge. Ieri mattina l’amara sorpresa. «Siamo arrivate – dichiarano due ragazze del quartiere – e abbiamo trovato un disastro. Gli pneumatici che avevamo colorato e usato come fioriere non c’erano più, i fiori strappati. È stato un colpo per noi e i nostri bambini che si prendevano cura delle piantine e imparavano ad avere rispetto per le cose comuni».
Il commento del Campidoglio è risoluto fornendo ai cittadini una prova di forza e, in un certo modo, di arroganza dei poteri: «Il Municipio ha commesso un abuso: le aree verdi sono in capo al Dipartimento che è l’unico preposto all’istruttoria del Regolamento sulle aree verdi in adozione, iter a cui le singole posizioni dovranno adeguarsi. Il municipio è stato sollecitato più volte a farlo, senza esercitare poteri che non ha». .

Antonio Barcella
www.collianiene.org

news@collianiene.org

Articoli letti: 3003162  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

Commenti