Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Incontro informativo “bullismo e cyberbullismo” nella scuola Italo Calvino

18 dicembre 2018 - Davanti ad una platea completamente gremita nel teatro della scuola Italo Calvino di Colli Aniene (I.C. Tullio De Mauro), si è svolto ieri il seminario “Per una scuola inclusiva: in sinergia contro bullismo e cyberbullismo” promosso dalla Rete territoriale di Ambito 2 – Roma, Municipi II e IV, in collaborazione con USR per il Lazio. Hanno partecipato all’evento le scuole: Liceo “Croce-Aleramo”, LiceoArtistico “Enzo Rossi”, I.C. “Giorgio Perlasca”, I.C. “Angelica Balabanoff”, I.C.“Alberto Sordi”. Ha aperto i lavori la Dr.ssa Marilisa Mancino, Dirigente Scolastico dell’I.C. Tullio De Mauro, sono poi seguiti gli interventi dei relatori Dr. Riccardo Lancellotti e prof.ssa Anita De Giusti, referenti regionali e provinciali USR Lazio per il contrasto al bullismo e al cyber bullismo, e del Maresciallo Cinagli del Commissariato di Polizia di San Basilio.
La partecipazione al dibattito da parte del pubblico ha dimostrato come questo fenomeno sociale, in forte espansione, sia avvertito in maniera preoccupante da insegnanti e famiglie che hanno un solo modo per risolverlo: collaborare tra loro. Il bullismo è un insieme di comportamenti verbali, fisici e psicologici reiterati nel tempo, posti in essere da un individuo, o da un gruppo di individui, nei confronti di soggetti più deboli. La vittima, di solito, ha livelli bassi di autostima, ha un’opinione negativa di sé e della propria situazione e, di solito, non ha in classe un buon amico che la difenda. È scelta per ultima nei giochi di squadra e, durante la ricreazione, tende a stare vicino all’insegnante o ad un altro adulto.
Il bullismo sta devastando la serenità di tante famiglie e questo fenomeno spostato sulla rete web o telefonica risulta ancora più incontrollato e per questo ancora più temibile. Oggi il 34% del bullismo è online, in chat e sui social network, quest'ultimo viene definito cyberbullismo. Pur presentandosi in forma diversa, anche quello su internet è bullismo: far circolare delle foto spiacevoli o inviare mail contenenti materiale offensivo, o immagini di minori, può costituire un danno psicologico e spesso i ragazzi non si rendono conto di compiere un reato. Come nel bullismo tradizionale, però, il prevaricatore vuole prendere di mira chi è ritenuto "diverso", solitamente per aspetto estetico, timidezza, orientamento sessuale o politico, abbigliamento ritenuto non convenzionale e così via. Gli esiti di tali molestie sono, com'è possibile immaginarsi a fronte di tale stigma, l'erosione di qualsivoglia volontà di aggregazione e il conseguente isolamento, implicando esso a sua volta danni psicologici non indifferenti, come la depressione o, nei casi peggiori, ideazioni e intenzioni suicide. Spesso i molestatori, soprattutto se giovani, non si rendono effettivamente conto di quanto ciò possa nuocere all'altrui persona.

Come difendersi dal cyberbullismo?
Recenti ricerche mostrano che più la vittima è di giovane età, e maggiormente sarà in difficoltà nel reagire agli attacchi da parte dei cyberbulli. Inoltre, maggiori sono i contesti in cui questi episodi accadono (contesto reale e contesto virtuale), maggiore sarà il rischio di suicidio da parte dei ragazzi. E’ allora necessario e fondamentale lavorare in un contesto di prevenzione, in modo che bambini e adolescenti sappiano reagire adeguatamente contribuendo a troncare sul nascere episodi di cyberbullismo. Qui la sinergia tra scuola e genitori può fare un grande lavoro di supporto ai ragazzi. E’ importante non solo che i ragazzi vengano seguiti e sostenuti dai loro adulti di riferimento ma che proprio gli adulti per primi mettano in atto comportamenti responsabili che aiutino i minori ad auto-tutelarsi.

Articoli letti: 2059429  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

IN PRIMO PIANOCONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

La 7° edizione (2019)... sta arrivando !

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org