Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Il 2 febbraio è la Giornata mondiale delle zone umide

1 febbraio 2019 - La giornata mondiale delle zone umide è una giornata internazionale che si celebra annualmente il 2 febbraio in occasione dell'anniversario dell'adozione della Convenzione sulle zone umide di importanza internazionale, firmata a Ramsar (Iran) il 2 febbraio 1971. L’importanza di questi ecosistemi per l'umanità e il pianeta è ormai universalmente riconosciuto e lo scopo di questa giornata è proprio quello di riflettere ed informare sull’argomento. Le aree di questo tipo riducono il rischio idrogeologico, raccogliendo le acque durante le piene e rallentandone il deflusso; attenuano l’effetto degli inquinanti come una sorta di depuratore naturale; ospitano una straordinaria varietà di creature nei loro microambienti. Che cos’è una zona umida? Per noi abitanti di Colli Aniene è forse più facile rispondere a questa domanda perché il nostro quartiere è stato costruito su un territorio prevalente costituito da zone umide o marane. Per questo molti edifici per essere edificati ebbero bisogno di opere di palificazioni straordinarie per aumentare la stabilità delle costruzioni. Tutt’ora viviamo ai margini zone umide straordinarie come il Parco Naturale della Cervelletta e la Valle Naturale dell’Aniene. Per “zona umida” si intende un ambiente caratterizzato dalla presenza contemporanea di terreno e acqua come stagni, paludi, torbiere, bacini naturali e artificiali permanenti, con acqua stagnante o corrente. Le aree umide hanno dunque un elevato valore naturalistico e forniscono riparo e sostentamento a numerose specie. Noi ci limiteremo ad esaminare quella più vicina a noi sperando in questo modo di dare un significato più concreto a questa giornata. Lo vogliamo fare attraverso le parole del professor Domenico Pietrangeli riprese dal suo libro “La Cervelletta di Mimmo e con Mimmo”:

L'area della Cervelletta si trova tra l'A24 (Roma-L'Aquila), Via di Tor Cervara, il collettore di Roma Est ed il piano di zona n° 15 (Colli Aniene). Si raggiunge: a piedi nel Parco, da via Spataro o da via M. Cingolani; in auto, dalla A 24 o da via di Tor Cervara, inserendosi in via della Cervelletta, all'altezza del cavalcavia sulla A 24. Il percorso pedonale, per un tratto rettilineo, segue il “sentiero natura” denominato “Via delle Iris”, che è contrassegnato da tre cartelloni informativi sulla flora e sulla fauna dell'area palustre. Attraverso il portale in legno che porta la scritta “Parco della Cervelletta” si scende nella zona golenale dell'Aniene (che dista circa 1,500 Km); si percorre “Via delle Iris”, che fioriscono dalla seconda metà di aprile, ornando, in modo meraviglioso, i canali, che sono serviti , in passato, durante gli anni dell'attività agricola, per irreggimentare le acque, utilizzate, tra la fine dell'Ottocento e i primi decenni del Novecento, anche per le marcite (risaie).
Percorrendo questo sentiero, soprattutto in primavera, si possono osservare anche alcune essenze arboree ed erboree tipiche delle zone palustri: farfaracci, ranuncoli, borragine, lenticchiette d'acqua, ortiche, tarassachi, cicute, tife, iris, cannucce palustri, ebbi...; pioppi bianchi, pioppi neri, pioppi cipressini, olmi, robinie, sambuchi... Se si è fortunati si possono fare incontri emozionanti con animali e uccelli particolari: il martin pescatore, il pendolino, l'anatra selvatica, l'airone cinerino, la gallinella d'acqua, il gheppio, la poiana, la volpe, l'istrice, il tasso, il granchio d'acqua dolce, la nutria, la tartaruga palustre...
Era il tempo intenso dei lavori agricoli e le voci di centinaia di operai macilenti strappavano il pane alla terra (stanziali, stagionali, “capannari”), confondendosi con i mesti canti delle donne intente a lavare i panni o seguire, con il faticoso chiacchiericcio, il movimento rumoroso di centinaia di animali (mucche, cavalli, muli) nelle vallate circostanti il Casale.
Alla fine del primo tratto (3° pannello: uccelli e mammiferi) si può girare: a destra e raggiungere, dopo averlo aggirato, il monumentale Casale, risalendo dall'anfiteatro naturale; oppure a sinistra per “via del Ponte del lavatoio”, sulla destra del quale, in basso, su una lastra di cemento che costeggia il “Fosso della Cervelletta”, si possono ancora osservare gli incavi, dove le donne che vi si recavano per lavare i panni, depositavano il sapone. Un po' più avanti, oltre il “Ponte”, si può ammirare ancora l'esempio di una bella “chiusa” dei primi del '900, utilizzata, come molte altre scomparse, per l'irrigazione degli orti e delle marcite (risaie).
Tornando indietro, a sinistra si percorre “via del vecchio fienile”, di cui rimangono, a causa di un rogo, solo le colonne di mattoni. Risalendo, a destra, ci si inserisce in “via della Cervelletta”, che porta al Casale.

Per chi vuole completare la lettura può proseguire al link: L'Area Umida del Parco Naturale

7° CONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Scarica il Regolamento - Scadenza 30 Giugno 2019

Racconti, Libri e Poesie

 
Articoli letti: 2191800  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

IN PRIMO PIANOCONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Vai alla pagina dedicata al Premio Letterario... oppure Scarica il Regolamento del 7° Concorso Letterario Nazionale Caterina Martinelli di Roma - Scadenza 30 Giugno 2019

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org