Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Duro attacco di Legambiente: "sciagurata gestione del ciclo dei rifiuti a Roma"

26 marzo 2019 - Dopo l’incendio al Tmb Salario di metà dicembre 2018, un nuovo rogo si è registrato in un altro impianto di trattamento dei rifiuti a Roma. Domenica sera è andato in fiamme il Tmb di Rocca Cencia, l’ultimo dell’Ama – la municipalizzata dei rifiuti della Capitale – rimasto in funzione dopo lo stop dell’impianto del Salario.
Nella mattina di lunedì 25 marzo, i pompieri sono riusciti a spegnere l’incendio, che ha interessato una piccola parte di un capannone di circa 2.000 metri quadri, messo sotto sequestro. Nel corso della notte sono state effettuate le operazioni di smassamento e raffreddamento dei rifiuti incendiati. Al momento sono in corso le verifiche tecniche e strutturali. Non è ancora chiara la quantità di materiale di scarto andata a fuoco. Sul posto sono arrivate le forze dell’ordine e la Scientifica, che sta effettuando i rilievi di rito.
La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine. Nel fascicolo si ipotizza, al momento, il reato di incendio colposo. In nottata il pm Carlo Villani si è recato nell’impianto per effettuare un primo sopralluogo.
Ama ha comunicato che la vigilanza interna avrebbe fatto scattare subito l’allarme a cui ha fatto seguito l’intervento sia del personale tecnico della municipalizzata sia dei vigili del fuoco.
Stando alle prime notizie battute dalle agenzie, sarebbero bruciate circa 3-400 tonnellate di rifiuti nell’area di ricezione del pattume. Ma il rogo sarebbe comunque meno esteso rispetto a quello del Salario. È ancora da valutare se il sito potrà restare aperto e quali saranno le conseguenze sulla raccolta dei rifiuti a Roma.
Ad arrivare immediatamente sul posto è stato l’assessore ai Rifiuti della Regione Lazio Massimiliano Valeriani, che ha verificato la situazione e i possibili rischi ambientali. Anche la sindaca di Roma Virginia Raggi si è recata a Rocca Cencia. “Non ho elementi” ma “se questo è un attacco e non un incidente chi lo ha fatto deve sapere che non ci fermiamo”, ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi. La prima cittadina ha ringraziato i vigili del fuoco.
La sindaca di Roma Virginia Raggi a margine della cerimonia delle Fosse Ardeatine parlando della questione rifiuti dopo il rogo del Tmb Rocca Cencia: “Stavamo lavorando sul divieto di utilizzo delle plastiche monouso a Roma. A questo punto acceleriamo perché dobbiamo iniziare a sottrarre rifiuti a questo sistema criminale. Sono certa che i cittadini capiranno e saranno con noi. Ovviamente daremo un congruo termine a tutti gli esercizi commerciali e fornitori per gestire giacenze e scorte”.
Dopo l’incendio all’impianto del TMB Salario le fiamme hanno avvolto la scorsa notte l’impianto di Rocca Cencia, l’ultimo di proprietà Ama ancora in funzione nella gestione del ciclo dei rifiuti romani, ha commentato così Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio.
Roma piomba all’anno Zero nella gestione del ciclo dei rifiuti già senza diffusione del porta a porta, senza nuove isole ecologiche, senza aumento della percentuale di differenziata, senza assessore all’ambiente e vertici Ama, senza impianti in costruzione e, da oggi, senza neanche più un impianto di proprietà per gestire almeno parzialmente l’enorme flusso di rifiuti prodotti. Un milione e settecentomila tonnellate annue di rifiuti totali e di questi, a causa di una diffusione della differenziata ferma da tre anni, un milione di tonnellate sono indifferenziato che al momento viene portato tutto in altri territori. Centocinquanta camion pieni di monnezza al giorno già andavano altrove, dopo l’ennesimo rogo andrà ancora peggio, con costi economici folli e costi ambientali assurdi per la collettività. Ci affidiamo agli inquirenti e alle forze dell’ordine per capire se c’è un disegno doloso dietro a quanto nuovamente accaduto, e se così fosse i responsabili dovranno essere assicurati alla giustizia. Intanto pagheremo tutti cara questa condizione penosa, causata si dagli incidenti ma soprattutto dalla sciagurata gestione del ciclo dei rifiuti da parte del Campidoglio, e durante i picchi di produzione della prossima estate, torneranno inevitabilmente i cumuli di rifiuti, con i rischi ambientali e sanitari che ne conseguiranno”.

7° CONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Scarica il Regolamento - Scadenza 30 Giugno 2019

Racconti, Libri e Poesie

 
Articoli letti: 2313875  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

IN PRIMO PIANOCONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Vai alla pagina dedicata al Premio Letterario... oppure Scarica il Regolamento del 7° Concorso Letterario Nazionale Caterina Martinelli di Roma - Scadenza 30 Giugno 2019

CONCORSO FOTOGRAFICO "ROMA EST, UN TERRITORIO DA RISCOPRIRE!" (Bando) - Scadenza 30 marzo 2019

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org