Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Rifiuti a Roma – Emergenza ciclica e poche soluzioni

2 luglio 2019 - Gli animi esasperati dei cittadini di Roma Capitale sulla gestione dei rifiuti vengono interpretati, secondo i punti di vista politici, in vittimismo o accanimento tirando in ballo “presunte guerre” contro l’attuale amministrazione. Noi preferiamo descrivere quello che riusciamo ad osservare condannando a priori qualsiasi atto illecito, come i roghi dei cassonetti o altri tipi di proteste violente. Però questa situazione non può durare in eterno e l’amministrazione deve iniziare a fare un “mea culpa” sulle scelte fatte in tema ambientale che, fino ad oggi, non hanno portato a nessun tipo di soluzione o miglioria. Ieri spopolavano su internet le immagini sul tema dei rifiuti e non danno una bella rappresentazione di questa città. Noi stessi abbiamo osservato depositi condominiali della ripartizione differenziata al collasso accompagnati dagli immancabili miasmi che è difficile descrivere. Plastica e indifferenziata che riempivano gli stanzini al punto tale che, durante il ritiro dell’umido, gli operatori erano costretti a lasciare fuori i bidoni perché non in grado di rimetterli dove erano collocati in precedenza a causa del franamento del resto dei rifiuti. L’invito a tenere i propri scarti sui balconi di casa propria non è più fattibile per il troppo caldo che rende l’aria irrespirabile.
Ieri sono state pubblicate immagini tali da sminuire perfino quelle passate dei cinghiali tra i cassonetti della città. Emblematica la fotografia pubblicata dal Consigliere del IV Municipio Giorgio Trabucco in cui si vedono due persone sedute su una panchina completamente circondata dai rifiuti. «Quale altra città – ha commentato Trabucco - ti da la possibilità di sederti in mezzo ai rifiuti? Grazie al Comune di Roma tutto questo è possibile. Via di Torrevecchia. Basta!»

Intanto continuano a pervenire in redazione segnalazioni su quanto accade nel nostro territorio in merito alla gestione dei rifiuti e alle conseguenti "discariche" a cielo aperto: «Buonasera redazione ColliAniene.org, volevo mettervi a conoscenza sul degrado cronico che ormai è presente da un anno nel piazzale del parcheggio a via Tamburrano lato Biblioteca Vaccheria Nardi, qui ci sono diversi bidoni di raccolta differenziata presumo delle case popolari vicine, in questi giorni di emergenza la zona si sta trasformando in una discarica a cielo aperto, con rischi sanitari elevati.Grazie per l' attenzione. Giuseppe S.»

Sì, basta! Questa città ha voglia di normalità… ridatecela!

 

Ecco invece il punto di vista della sindaca Virginia Raggi in un post del 28 giugno scorso: «Sui rifiuti è in corso una guerra: la guerra dei rifiuti. Qualcuno vuole riportare "l'apostata" al "precedente credo". La "gestione dei rifiuti di Roma, da tempo immemorabile, si è fondata su una "commistione tra attività legali ed illegali" ma oggi "si constata un inceppamento": queste sono le parole che la Procura Nazionale Antimafia utilizzava nel 2016 per descrivere la recente rottura di un "meccanismo" perverso nel ciclo dei rifiuti. Fatto di amicizie "poco raccomandabili" che alcuni privati utilizzano per smaltire in modo economico e veloce.
Incendi nei Tmb, fuoco ai cassonetti, danni alle strutture e ai mezzi di Ama: Roma è #sottoattacco e non siamo solo noi a dirlo. Parlano i dati, le inchieste e i report delle forze dell’ordine. In questa intervista, realizzata dopo gli eventi che hanno distrutto il Salario e danneggiato Rocca Cencia, il magistrato Roberto Pennisi - procuratore della Direzione Nazionale Antimafia - fornisce la sua chiave di lettura, parlando di un possibile “sabotaggio”.
Gli incendi all’interno delle strutture di smaltimento e trattamento dei rifiuti, come dimostrano numerose indagini, sono un affare in mano alle cosiddette eco-mafie. Affari milionari che coinvolgono tutto il ciclo dei rifiuti, a partire proprio dagli imprenditori che - spesso - hanno agito in modo illegale. Non solo mafiosi “con la coppola”, interni alle cosche, ma spesso piccole associazioni criminali a cui rivolgersi "al momento giusto". Ma Roma rappresenta un caso unico: gli incendi non servivano a bruciare i rifiuti, ma hanno colpito direttamente le strutture pubbliche di Ama. Noi abbiamo reagito, abbiamo alzato la guardia, innalzando i livelli di sicurezza ed il monitoraggio sui nostri siti. Roma non si piega.
»

7° CONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Scarica il Regolamento - Scadenza 30 Giugno 2019

Racconti, Libri e Poesie

 
Articoli letti: 2254962  
se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

IN PRIMO PIANOCONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Vai alla pagina dedicata al Premio Letterario... oppure Scarica il Regolamento del 7° Concorso Letterario Nazionale Caterina Martinelli di Roma - Scadenza 30 Giugno 2019

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org