Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Comune di Roma - Nuove regole per contrastare l'azzardopatia

6 dicembre 2019 - Il gioco d'azzardo patologico (definito anche disturbo da gioco d'azzardo, azzardopatia o genericamente e impropriamente ludopatia) è un disturbo del comportamento rientrante nella categoria diagnostica dei disturbi del controllo degli impulsi. Roma è la prima tra le grandi città italiane che potrà ottenere da remoto - attraverso un sistema fornito dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli - i dati relativi all’accensione e allo spegnimento degli apparecchi VLT. Si sono concluse infatti tutte le operazioni necessarie all’avvio della prima utenza che rivoluzionerà il sistema dei controlli. Il programma permetterà di conoscere in tempo reale quali sono le attività che non rispettano le fasce orarie di accensione e spegnimento degli apparecchi da gioco stabilite lo scorso anno attraverso l’ordinanza “no-slot” della sindaca Virginia Raggi.

“Da giugno 2017 per contrastare l’azzardopatia, una vera e propria piaga sociale che rovina migliaia di famiglie, abbiamo deciso di limitare gli orari per l’accensione degli apparecchi da gioco con vincita in denaro a non più di otto ore al giorno: dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 23. Al di fuori di tali fasce orarie gli apparecchi, collocati in sale dedicate al gioco e in esercizi autorizzati, devono essere spenti, inaccessibili agli utenti, privati dell’alimentazione e scollegati dal sistema. A Roma ci sono più di 50mila apparecchi, e tenerli sotto controllo contemporaneamente era ovviamente impossibile. Ora basterà un semplice click per scovare i contravventori e sanzionarli”, dichiara la sindaca Virginia Raggi.

"Gli apparecchi VLT sono tra quelli più pericolosi, quelli in cui è possibile inserire direttamente banconote di qualsiasi taglio. Adesso possiamo connetterci sulla piattaforma fornitaci dai Monopoli e verificare se le sale hanno le macchine accese anche nelle fasce orarie di divieto. È giusto anche nei confronti di quei gestori onesti che si stanno conformando agli orari dell’ordinanza, facendo il loro dovere, contrariamente a quei gestori che invece lasciano accesi gli apparecchi a spregio di ogni regola. La Polizia Locale non avrà più bisogno di effettuare controlli fisicamente presso i locali, ma potrà farlo a distanza, in ogni momento”, spiega Sara Seccia, vicepresidente dell’Assemblea capitolina.

La guerra all’azzardopatia fa un altro enorme passo in avanti, inoltre, con le integrazioni al Regolamento per le Sale Slot e Giochi Leciti che arriveranno oggi in Assemblea Capitolina. Un Regolamento nato proprio con lo scopo di contrastare il gioco d’azzardo patologico attraverso la disciplina dell'apertura e dello svolgimento dell'esercizio di sale slot e giochi leciti sul territorio di Roma Capitale.

Le distanze dai luoghi sensibili previste per l’apertura delle nuove attività dal Regolamento saranno uniformate e adeguate alla sopravvenuta normativa regionale che al momento dell’approvazione della delibera M5s nel 2017 era completamente assente. Verrà vietata dunque l'apertura di nuove sale da gioco - con installazione di VLT, di agenzie per la raccolta di scommesse e di esercizi che installano giochi con vincita in denaro - ad una distanza inferiore di cinquecento metri dalle aree sensibili quali ad esempio scuole, bancomat e luoghi di culto.

Stop anche agli sportelli bancari e ai bancomat anche all’interno delle attività in cui sono installati apparecchi per il gioco con vincita in denaro per evitare che la disponibilità immediata di contante costituisca incentivo al gioco e un ulteriore fattore di rischio per il giocatore compulsivo.

Tra le misure messe in campo per la tutela della salute pubblica e del consumatore, per una più efficace prevenzione e per il contrasto al disturbo da gioco d'azzardo patologico arriva anche il divieto di qualsiasi forma di pubblicità dell'attività. In particolare sarà vietato installare insegne luminose o a luminosità intermittente o a messaggio variabile, sia all'interno che all'esterno dei locali, nonché affiggere cartelli pubblicitari su suolo pubblico richiamanti, in modo diretto o indiretto, l'attività del gioco.

Cosa sono le VLT

Le Videolotterie o Videolottery (VLT) sono le ultime, nuove, apparecchiature nel settore dei giochi da divertimento ed intrattenimento legali; si può affermare che le VLT rappresentino un'evoluzione delle tradizionali AWP. Le VLT si differenziano dalle AWP in quantosono dei veri e propri terminali connessi ad un sistema di gioco centrale e privi di "scheda di gioco" al loro interno; il gioco e l'esito della giocata si sviluppa sul sistema centrale e successivamente viene visualizzato sullo schermo della VLT. Generalmente sono terminali multi gioco, infattiè possibile, sullo stesso apparecchio VLT, scegliere tra vari giochi; i principali sono giochi a rullo. È assolutamente vietato il gioco ai minori di anni 18.

Articoli letti: 3000125

se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

IN PRIMO PIANOCONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Vai alla pagina dedicata al Premio Letterario

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org