Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Il Coordinamento Uniti per la Cervelletta diserta per protesta la Commissione per i lavori sulla torre medievale

13 gennaio 2020 - Con una nota inviata alla Presidente della VI Commissione Capitolina, On.le Eleonora Guadagno, il Coordinamento Uniti per la Cervelletta ha disertato la Commissione congiunta (VI e IV) che si è svolta lunedì 13 gennaio e che aveva in oggetto l’aggiornamento dei lavori per la messa in sicurezza del Casale e della Torre della Cervelletta. Il Coordinamento ha comunicato che non parteciperà, d’ora in poi, alle sedute delle Commissioni Capitoline fino a quando il Comune di Roma Capitale, di concerto con i suoi Dipartimenti e Municipi, non provvederà alla rimozione della recinzione installata prima delle festività natalizie, recinzione che condiziona pesantemente l’utilizzo dei sentieri e del parco della Cervelletta oltre ad eventuali interventi di messa in sicurezza dei manufatti presenti.
Alla luce dell’indegno spettacolo che hanno dato i dipartimenti e gli altri enti presenti in Commissione, bene ha fatto il Coordinamento a non partecipare all’incontro. È stato un continuo rinfacciarsi di competenze e di mancati avvisi che evidenzia uno scollamento burocratico, più che politico, in cui l’unico obiettivo primario è apparso quello di prendere tempo in attesa che succeda qualcosa per “ripartire dal via” come un infinito gioco dell’oca. Da questo continuo rimpallo di responsabilità ha preso le distanze la Presidente Eleonora Guadagno che ha avvisato la platea: “Se crolla la Torre Medievale della Cervelletta partirà inevitabilmente la denuncia dei cittadini ed io saro' la prima a denunciare l'amministrazione per immobilismo”.
Cercando di parlare solo delle cose più concrete, il dibattito si è distinto principalmente su due questioni: la recinzione innalzata a dicembre e il crono programma per la realizzazione dei lavori di messa in sicurezza delle strutture storiche.

LA RECINZIONE - La recinzione installata intorno al Casale, che vanifica i lavori di collegamento pedonale tra Colli Aniene e Tor Sapienza e di illuminazione dei sentieri effettuati dalla Regione Lazio lo scorso anno, si sarebbe resa necessaria a seguito del verbale di sopralluogo. n.40 del 16.11.2017 del Dip. Sviluppo Infrastrutturale e manutenzione urbana di Roma Capitale svoltosi con analisi “a vista” e “sommariamente”. Un verbale, che stabilisce un’area interdetta per motivi di sicurezza per una distanza di 10 metri dal Casale, che per due anni è stata completamente ignorata senza l’affissione di alcun cartello di pericolo e permettendo ben due manifestazioni con migliaia di persone che non erano informate del pericolo delle strutture. Da alcune considerazioni fatte in Commissione, sarà molto difficile che quest’anno venga autorizzata una nuova manifestazione in quest’area. Quindi, possiamo concludere che dopo il Parco di Piazzale Loriedo e il Casale della Cervelletta, verrà sottratta alla comunità di questo territorio anche l’importante manifestazione cinematografica che si svolge nel parco naturale.

CRONO PROGRAMMA – Per il momento nessun Crono programma per la realizzazione dei lavori di messa in sicurezza della Torre e del Casale è stato stabilito. Anzi a chi lo chiedeva insistentemente al funzionario del Dipartimento Ambiente la risposta era molto evasiva: “Forse nel 2020 o tutt’al più nel 2021”. Eppure i fondi per questi lavori sono stanziati nel bilancio del 2019 e non è stata data assicurazione che detti fondi siano stati riportati in quello del 2020. Questo progetto esiste già dal 2013 e noi poveri cittadini non siamo in grado di comprendere perché, a distanza di sette anni, non sia ancora in fase esecutiva. Misteri della burocrazia e dei mancati controlli da parte della politica.

Le dichiarazioni sul profilo Facebook della Presidente della VI Commissione Capitolina, On.le Eleonora Guadagno

"L’indirizzo dato dalle Commissioni Cultura e Ambiente è chiaro e deciso: dobbiamo assolutamente porre in essere ogni azione a tutela della Tenuta della Cervelletta, recentemente transennata per motivi di sicurezza a seguito di un sopralluogo dell’Ufficio Stabili Pericolanti.
Roma Capitale deve ora avviare celermente le necessarie operazioni di salvaguardia del Casale della Cervelletta e della Torre, al fine di scongiurare ipotetici crolli imputabili allo stato di deterioramento in cui entrambi versano da anni. Soltanto successivamente sarà possibile progettare il recupero e la valorizzazione del bene medievale, per restituirlo in godimento ai cittadini.
Si tratta di un manufatto sito nel Municipio IV, all’interno della Riserva naturale della Valle dell’Aniene, che si estende per circa 650 ettari di territorio dell’agro-romano. Un bene dichiarato “di interesse particolarmente importante ai sensi dell’articolo 1 della legge 1° giugno 1939, n. 1089” in materia di protezione dei beni storico-artistici e sottoposto a disposizioni prescrittive e vincolistiche di tutela.
L’impegno degli uffici capitolini coinvolti nelle procedure amministrative è quello di convocare, entro 30 giorni, una Conferenza di servizi necessaria per condividere i prossimi passi con gli attori istituzionali e sociali interessati alla salvaguardia della Tenuta e per ottenere i necessari nulla osta dalla Soprintendenza Capitolina.
Per ridurre significativamente i tempi si utilizzerà un progetto definitivo realizzato nel 2013 e commissionato dal Dipartimento Ambiente a un professionista. Progetto che, ovviamente, dovrà essere attualizzato e reso utilizzabile nel giro di poche settimane.
Alla questione saranno riservati 213.000 euro, fondi del bilancio 2019 vincolati dalla Regione Lazio per Roma Capitale e già spalmati sul bilancio dell’anno corrente per l’utilizzo immediato.
Vogliamo e dobbiamo garantire alla collettività la puntuale esecuzione della tabella di marcia, senza ulteriori, dannosi, slittamenti burocratici.
La Commissione appena conclusa rappresenta l’ennesimo atto di propulsione ed indirizzo politico sul tema, Non tollereremo ulteriori rinvii degli impegni presi verso i cittadini, che seguono da anni le sorti dell’intero complesso e attendono giustamente risposte chiare e concrete.
"

Articoli letti: 3005987

Il libro Fuga oltre le Colonne d'Ercole di Antonio Barcella, acquistabile anche con la “carta del docente” o con il “bonus cultura”, può essere ordinato sui seguenti circuiti on line ed è prenotabile nelle principali librerie:

Libreriauniversitaria.it
Mondadori Store (scontato 15%)
La Feltrinelli (scontato 15%)
Unilibro (scontato 15%)
Good Book
Vertigo Bookshop
Amazon (scontato 15%)

se apprezzi questo sito internet clicca mi piace su Facebook

 

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

IN PRIMO PIANOCONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Vai alla pagina dedicata al Premio Letterario

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org