Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Lettore: “Modi diversi per la misurazione della temperatura corporea nei supermercati per Covid”

18 novembre 2020 - Come è nostra prassi, diamo spazio ai nostri lettori per esprimere il proprio pensiero. Ecco il testo del messaggio ricevuto oggi in redazione: “Mi sono spesso lamentato (si fa per dire) della strana abitudine diffusissima a Roma di chiamarti ‘caro’, anziché ‘signore’ come sarebbe più semplice e naturale. Non so, forse io mi ci sono fissato un po', certo è che se per una vita entrando in un negozio, in un ambulatorio, in un ufficio postale, ti sei sempre sentito chiamare signore (buongiorno signore, desidera signore, in che cosa posso servirla, signore?), poi ti suona strano, innaturale, sentirti chiamare caro e sentirti dare del tu, specialmente se hai una certa età, la barba bianca, e a darti del tu e a chiamarti caro è una persona giovane. Ma non volevo lamentarmi (si fa sempre per dire) ancora di questo fenomeno. Volevo raccontare della maniera garbata, gentile, usata da un giovin signore, guardia giurata, per invitare i clienti ad entrare in un grande supermercato sulla via Tiburtina, a Roma, dopo la misurazione della temperatura corporea. Mi viene incontro, la guardia giurata, avvicina l'apparecchio alla mia fronte e, constatato che non ho febbre, mi dice: ‘Vai’. Ora, è anche vero che la mascherina nasconde quasi per intero la mia barba bianca, ma che io sia un uomo di una certa età, anzi, un signore di una certa età, è ugualmente evidente. Due volte ci sono stato nel supermercato, e per due volte il giovin signore, guardia giurata, mi ha intimato il suo ‘vai’. Devo dire, però, per amore della verità, che non dappertutto è così. In un altro supermercato sempre di Roma, dopo la misurazione della temperatura, l'addetto mi ha invitato ad entrare con un ‘prego’. E mi è bastato. Anche troppo. Non potevo pretendere aggiungesse ‘signore’. Non esageriamo. Renato P.

Antonio Barcella
www.collianiene.org
news@collianiene.org

 

I LIBRI DI ANTONIO BARCELLA

Fuga oltre le Colonne d'Ercole

Libreriauniversitaria.it
Mondadori Store
La Feltrinelli
Vertigo Bookshop
Amazon (15,10 €)

Il quinto Evangelista

Amazon (11,96 €)

Tre nel sessantotto

Amazon (11,44 €)

La collera del cielo

Amazon (11,44 €)

Là dove il fiume volge verso il mare

Amazon (9,36 €)

Articoli letti: 1000831    

clicca mi piace su Facebook

 

Tutti i libri di Antonio Barcella sono acquistabili con la “carta del docente” o con il “bonus cultura

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

IN PRIMO PIANOCONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Vai alla pagina dedicata al Premio Letterario

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org