Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

La politica e il territorio – Come restare indipendenti in periodo elettorale

5 maggio 2021 - È appena iniziata la campagna elettorale per le elezioni amministrative nella capitale e occorre subito mettere dei paletti tra la politica dei partiti e il rapporto con il territorio. Ho già ricevuto e rifiutato due candidature da parte di altrettante liste che si presentano per il Municipio; probabilmente altre ne arriveranno da qui in poi ma continuerò a rifiutarle. Il motivo prevalente di questa scelta è che questo territorio di periferia ha bisogno della funzione di controllo da parte delle associazioni e dei cittadini perché nessuno degli enti preposti, ormai, svolge più questa funzione. Non c’è bisogno di altri aspiranti alle poltrone ma occorre, invece, una classe politica preparata a gestire le situazioni e ad ascoltare i cittadini. Quello di cui non abbiamo assolutamente necessità è di persone che vanno al potere per imparare il “mestiere” e alla prova dei fatti dimostrano solo di essere “dilettanti allo sbaraglio”. Oltre ad avere amministratori pubblici ben preparati, c’è l’esigenza di una controparte che solleciti gli interventi sulle criticità, che esponga i problemi e la percezione di questi da parte di chi vive il territorio. Se le strade sono ridotte in maniera indecente, se le scuole crollano a pezzi, se abbiamo la raccolta rifiuti tra le più care d’Italia e d’Europa con un servizio che lascia molto a desiderare, occorre che qualcuno segnali i problemi nel tentativo di risolverli a livello istituzionale. Noi (associazioni e cittadini) mettiamo la nostra conoscenza del territorio a disposizione di chi ce la chiede senza pretendere in cambio nulla se non il bene del quartiere. Lo facciamo da anni e continueremo a farlo. Qualche volta il nostro lavoro è proficuo altre volte sbattiamo su un muro di gomma non giustificato e difficile da immaginare. Crediamo però che tutti i partiti siano costituiti da individui che hanno i loro difetti e i loro pregi e, a volte, si riesce a trovare la persona giusta che quantomeno ascolta le rivendicazioni e tenta di intervenire per accontentare le richieste. Per concludere, è indispensabile avere un confronto con la politica, ma deve sempre essere mantenuta l’indipendenza. Salvaguardare l'informazione senza dare vantaggi a nessuno. E' un compito difficile, oserei dire arduo, ma ci impegneremo a farlo.

Anche nel corso delle prossime elezioni amministrative, per assicurare il diritto di informazione e conoscere i programmi dei partiti, cercheremo di dare le stesse opportunità a tutti i candidati che si presenteranno per la presidenza del IV Municipio o per la carica di primo cittadino della capitale. A tutti rivolgeremo le medesime domande cercando di carpire la concretezza dei loro impegni. Sarà molto difficile distinguere “le facili promesse di Pulcinella” da un vero impegno politico atto a risolvere i problemi. Purtroppo qualcuno nel passato ha approfittato del fatto che i cittadini hanno la memoria corta e non hanno voglia di andare a rileggere i programmi dichiarati da chi poi è stato eletto/a. Probabilmente la maggior parte degli impegni presi non sono stati mantenuti ma assessori, consiglieri e presidenti municipali continuerebbero a negarlo nonostante che l’evidenza dica il contrario.
Tornando al tema dell’articolo, ribadiamo che intendiamo dare a tutti i candidati le stesse possibilità e per questo stiamo preparando un’intervista che proporremo a tutti. Tra le domande già individuate ce ne sono alcune che riteniamo estremamente importanti per distinguere le responsabilità della politica dalle sabbie mobili della burocrazia che sembra aver invaso gli uffici pubblici della capitale.

Le prime sono le seguenti:

1. Come giudica la seguente affermazione: “I fondi per risolvere i problemi delle scuole ci sono ma non vengono spesi a causa della mancanza di preparazione dei progetti da parte degli uffici tecnici” ?

2. La manutenzione delle strade in periferia è praticamente inesistente aiutata da un sistema che porta i manutentori ad mettere una pezza alle buche più piccole tralasciando quelle più grandi oppure operando in maniera frettolosa e non professionale (ultimamente abbiamo fotografato una buca in cui la toppa risultava quattro/cinque centimetri sotto il livello della superficie stradale). Non crede che sarebbe proficuo istituire dei controlli capillari o modificare le regole contrattuali?

3. A Colli Aniene, dopo ben 13 anni, siamo tornati indietro con il sistema di raccolta dei rifiuti (dal Porta a Porta ai maxi contenitori stradali). Una scelta che va contro qualsiasi logica e che va soprattutto contro l’ambiente. È tornato il rovistaggio dove era sparito, è tornato il pendolarismo dei rifiuti ed ha facilitato lo smaltimento abusivo di calcinacci e materiale RAE che dovrebbero essere smaltiti in discarica, abbiamo strade più sporche e paghiamo una TARI tra le più alte d’Italia e d’Europa. Come pensa di intervenire concretamente su AMA ?

4. La manutenzione del verde dei quartieri è quasi completamente in carico ai cittadini che non hanno neppure il diritto di detrarre dalle tasse quanto spendono per avere un ambiente decente operando al posto del Comune di Roma. Che impegni prende per aiutare i cittadini e le associazioni in quella che sta diventando una vera impresa perché a causa della crisi sanitaria ed economica nessuno vuole più versare quote per la manutenzione del verde?

5. Il Casale della Cervelletta è ancora chiuso ed occorrono molti fondi per riaprirlo; da tre anni il parco di piazzale Loriedo è stato sottratto alla comunità a causa di una rigidità politica che non ha precedenti e, nonostante la parziale riapertura del parco, è ancora ben lontano dalla bellezza che lo aveva portato ad essere un punto di aggregazione del quartiere. Due ex simboli del territorio sui quali i cittadini hanno più volte espresso il proprio disappunto. Che impegni intende prendere a riguardo?

6. Che cosa intende fare di “speciale” per il IV Municipio ?

Altre domande da porre ai candidati le ricaveremo dai vostri commenti.

Antonio Barcella
www.collianiene.org
news@collianiene.org

 

I LIBRI DI ANTONIO BARCELLA

Fuga oltre le Colonne d'Ercole

Libreriauniversitaria.it
Mondadori Store
La Feltrinelli
Vertigo Bookshop
Amazon (15,10 €)

Il quinto Evangelista

Amazon (11,96 €)

Tre nel sessantotto

Amazon (11,44 €)

La collera del cielo

Amazon (11,44 €)

Là dove il fiume volge verso il mare

Amazon (9,36 €)

Articoli letti: 3000529    

clicca mi piace su Facebook

 

Tutti i libri di Antonio Barcella sono acquistabili con la “carta del docente” o con il “bonus cultura

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

 

IN PRIMO PIANO

CONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Scadenza 30 giugno 2021

8° edizione (2021)... scarica il Regolamento

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org