Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

La scelta economica è una via pericolosa che conduce verso il baratro ambientale

7 maggio 2021 - Scegliere la tutela dell’economia e degli affari penalizzando ambiente, sanità, sicurezza e servizi si sta rivelando una scelta sbagliata e miope. Il potere economico ha esercitato la sua influenza perfino in questo periodo di pandemia quando doveva essere messa in priorità la vita delle persone. Invece, sono stati presi provvedimenti che serviranno solo come giustificazione in futuro quando la magistratura inizierà ad indagare sulle conseguenze di tali decisioni. Prendiamo come esempio le “false” chiusure covid del 2021, rispetto a quelle “vere” del primo periodo epidemico, che hanno fatto solo aumentare il contagio e i decessi senza riportarci ad una situazione di normalità. Secondo voi le pressioni per questa discutibile scelta da dove sono arrivate? I provvedimenti senza i controlli non servono a nulla e le persone hanno potuto fare tutto quello che volevano. Con le zone rosse attive abbiamo visto gente viaggiare da nord a sud della penisola senza che nessuno intervenisse per fermare questo flusso. C’è stata gente infettata dal virus e i suoi familiari che dovevano essere in quarantena che uscivano tranquillamente dalla propria dimora e portavano il contagio ovunque. Sarebbero bastati due mesi di lockdown vero, con tutti chiusi in casa, con i controlli sanitari e di sicurezza previsti in caso di epidemie per ottenere risultati migliori di quelli attuali. Si spera che questo 2021 possa esser solo un periodo transitorio che prima o poi si risolverà mentre le scelte ad esclusivo vantaggio dell’economia continueranno ad influenzare la nostra vita con una strada già aperta verso il baratro. Probabilmente molti non saranno d’accordo con questa affermazione ma ci sono dati oggettivi verso questa tesi che non si possono trascurare. La deforestazione nel mondo con il continuo consumo di suolo è una scelta economica, come lo è la continua produzione di nuovi modelli di auto ad alto inquinamento ed è sempre l’economia a dettare le regole per l’invasione di plastica nel mondo. Potremmo continuare con altri cento esempi, di cui tutti siamo consapevoli, ma non facciamo nulla per arrestare questa corsa verso il precipizio. Volete qualche previsione di quello che accadrà ancora in un breve futuro? Le discariche si riempiranno di televisori obsoleti per l’arrivo delle trasmissioni ad alta definizione, come in passato si erano saturate di apparecchi non più adatti al digitale terrestre. C’è veramente bisogno di questa nuova tecnologia o è solo la forzatura per far lavorare le grandi industrie che impongono le loro leggi sul profitto? La stessa cosa si verifica con gli apparecchi telefonici cellulari per la corsa inarrestabile verso l’ultimo modello aggiornato, mentre l’industria continua a sfornare lavatrici, lavastoviglie, robottini vari per la cucina e per la casa che hanno una durata che spesso ricopre solo il periodo di garanzia. Queste apparecchiature, quando diventano obsolete o si guastano, prendono il nome di RAEE ( Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) ed hanno un percorso speciale di smaltimento dai costi altissimi. I principali problemi derivanti da questo tipo di rifiuti sono la presenza di sostanze considerate tossiche per l'ambiente e la non biodegradabilità di tali apparecchi. La crescente diffusione di apparecchi elettronici determina un sempre maggiore rischio di abbandono nell'ambiente o in discariche e termovalorizzatori con conseguenze di inquinamento del suolo, dell'aria, dell'acqua con ripercussioni sulla salute umana.
Il clima globale della terra sta cambiando ad opera esclusiva dell’uomo. I fatti parlano chiaro. La totale dipendenza delle nostre economie dai combustibili fossili e di quanto già detto sul consumo di suolo, deforestazione e l’eccessivo smaltimento di rifiuti stanno aumentando le concentrazioni di gas a effetto serra nell’atmosfera che, a loro volta, determinano un cambiamento globale del clima. Alcuni territori potrebbero essere colpiti a breve da vasti fenomeni di ondate di calore e siccità (desertificazione), mentre altre da tempeste più gravi e frequenti. Lo sostiene il mondo della scienza e di gran parte dell’opinione pubblica.
Mettere l’economia al centro di tutto e lasciare tutto il resto a girare intorno è stato l’errore più grave che l’uomo potesse concepire. Per evitare di andare oltre il ciglio del baratro serve un capitalismo che privilegi l'umanità e non l'economia.

Antonio Barcella
www.collianiene.org
news@collianiene.org

 

I LIBRI DI ANTONIO BARCELLA

Fuga oltre le Colonne d'Ercole

Libreriauniversitaria.it
Mondadori Store
La Feltrinelli
Vertigo Bookshop
Amazon (15,10 €)

Il quinto Evangelista

Amazon (11,96 €)

Tre nel sessantotto

Amazon (11,44 €)

La collera del cielo

Amazon (11,44 €)

Là dove il fiume volge verso il mare

Amazon (9,36 €)

Articoli letti: 1001859    

clicca mi piace su Facebook

 

Tutti i libri di Antonio Barcella sono acquistabili con la “carta del docente” o con il “bonus cultura

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

 

IN PRIMO PIANO

CONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Scadenza 30 giugno 2021

8° edizione (2021)... scarica il Regolamento

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org