Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Lettore: "Roma: un'incuria che non dispiace"

14 maggio 2021 - Riceviamo e pubblichiamo il messaggio di un nostro lettore: «In questo periodo la vegetazione a Roma cresce quasi a vista d'occhio, non solo nei parchi e nelle aiuole della città, ma anche sui cigli delle strade, sui marciapiedi, lungo i muri e sui muri, persino sui tetti. Piante selvatiche dappertutto. Le chiamano erbacce, in realtà sono bellissime e utilissime. I tarassachi dai piccoli soli gialli che ornano in questi giorni i marciapiedi del quartiere Colli Aniene, dove abito, sono una gioia per gli occhi. Via Francesco Compagna in questo periodo potrebbe essere chiamata via del cardo, talmente è piena del bel fiore. Sul ciglio di alcune strade hanno avuto tempo di fiorire persino degli oleandri. Ma a dominare è il tarassaco, chiamato anche dente di leone, soffione, e piscialetto per le sue proprietà diuretiche e depurative. In via Urbano Cioccetti, non ci crederete, ma sul marciapiede si stende abbondantemente una siepe di more. E ci sono i papaveri rossi e la cicoria e la rucola e tante altre piante delle quali, ahimè, non conosco il nome. Il Comune di Roma non taglia le piante spontanee per incuria, ma è un'incuria che non mi sento di rimproverargli.

"Tutte queste piante fanno parte della nostra natura urbana, aiutano a rimuovere l’inquinamento, producono ossigeno e sono utili agli insetti e agli uccelli”, ha dichiarato Sophie Leguil a Mother Nature Network. La giovane etologa e botanica francese, che vive a Londra, ogni volta che incontra una pianta selvatica o dei fiori, spuntati ad esempio ai bordi di un marciapiede, li fa notare ai passanti scrivendone il nome sul selciato con un gessetto. Se venisse a Roma, nel mio quartiere, di gessetti ne consumerebbe a centinaia, tante sono le varietà di piante spontanee che vi crescono. Molti marciapiedi del quartiere sono impraticabili a causa del selciato dissestato, non per le piante spontanee. Ad ogni modo, viva le erbacce e viva la primavera. Renato P.»

Redazione
www.collianiene.org
news@collianiene.org

 

I LIBRI DI ANTONIO BARCELLA

Fuga oltre le Colonne d'Ercole

Libreriauniversitaria.it
Mondadori Store
La Feltrinelli
Vertigo Bookshop
Amazon (15,10 €)

Il quinto Evangelista

Amazon (11,96 €)

Tre nel sessantotto

Amazon (11,44 €)

La collera del cielo

Amazon (11,44 €)

Là dove il fiume volge verso il mare

Amazon (9,36 €)

Articoli letti: 3000532    

clicca mi piace su Facebook

 

Tutti i libri di Antonio Barcella sono acquistabili con la “carta del docente” o con il “bonus cultura

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

 

IN PRIMO PIANO

CONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Scadenza 30 giugno 2021

8° edizione (2021)... scarica il Regolamento

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org