Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Convenzioni Concorso Letterario

Arriva dai giovani un'interessante proposta per il recupero del Casale della Cervelletta

26 novembre 2021 - Vogliamo dare “UN NUOVO VOLTO ALLA CERVELETTA” soprattutto ascoltando i giovani del territorio? Certamente sì! E per questo abbiamo raccolto immediatamente l’appello di un gruppo di 3 studentesse di ingegneria edile-architettura alla Sapienza di Roma che, nel corso di quest'anno, ci sono occupate del Casale della Cervelletta per l'esame di Restauro dei monumenti. Abbiamo esaminato gli elaborati di progetto sull'evoluzione del luogo e sul restauro del casale nonché delle idee molto interessanti sul riuso e abbiamo deciso di renderne partecipe la comunità che potrà giudicare questo eccellente lavoro. Metteremo a disposizione le planimetrie per gli uffici del IV Municipio che, meglio di noi, potranno giudicare la fattibilità del progetto e i costi necessari.
«Nel corso dell’ultimo anno di ingegneria edile-architettura – scrive Annalisa in rappresentanza del gruppo di studio - abbiamo affrontato il laboratorio progettuale di restauro architettonico.
Ci veniva richiesto di scegliere un luogo di edilizia storica di interesse che presentasse concreti problemi conservativi, da restaurare e da valorizzare; la nostra scelta è ricaduta sul casale della Cervelletta, luogo in cui ci eravamo imbattute per caso due anni prima e che ci aveva colpito profondamente.
Il primo passo è stato tracciare un’evoluzione storica del territorio analizzando le trasformazioni avvenute a livello urbanistico nell’ area (T1) per poi passare all’ evoluzione tipologica dei casali romani (T2) e avere un quadro d’ insieme per comprendere al meglio l’evoluzione del casale della Cervelletta.
Dopo aver ricostruito cronologicamente la storia e l’evoluzione del casale (T3) siamo entrate nel merito dei singoli ambienti studiandone le funzioni che hanno ospitato (T7); soffermandoci poi sullo studio della torre e della facciata. (T8)
Siamo passate poi ad aspetti più tecnici concentrandoci sul prospetto d’ ingresso, quali l’analisi delle tipologie murarie (T9), l’individuazione dei materiali presenti (T10), per poi analizzarne il degrado (T11) al fine di individuare i relativi interventi di conservazione (T12) e presentare il nuovo aspetto della facciata dopo il restauro. (T13)
L’ obiettivo del corso prevedeva per le tempistiche di soffermarsi solo su alcune parti del casale sia per la parte di conservazione (per questo l’analisi è ricaduta sulla sola facciata) che per la parte di progettazione vera e propria.
La nostra proposta progettuale parte dall’ individuazione delle maggiori criticità del luogo: la scarsa fruibilità degli ambienti interni e dei cortili e la mancata presenza di funzioni di interesse che possano renderlo un polo attrattivo per la nostra città.
Abbiamo quindi ipotizzato nuove funzioni per il casale che permettessero di sfruttarlo quotidianamente e sotto diversi aspetti prevedendo ambienti per la didattica quali biblioteca, e laboratori artistici e ambienti flessibili aperti al pubblico quali un piccolo auditorium e delle aree espositive. (T14T15)
Particolare attenzione è stata posta nei confronti dell’accessibilità dei luoghi da parte di tutti progettando una pavimentazione che risolva le attuali disconnessioni, irregolarità, e dislivelli di quella attuale.
La scelta è quindi ricaduta su un battuto di tufo, materiale compatibile a livello chimico con l’edilizia storica e in grado di adattarsi alla cromia e allo stile rustico del casale che abbiamo voluto mantenere. (T14)
La mancanza di un collegamento con il piano superiore delle stalle ci ha suggerito di prevedere un collegamento verticale in un ambiente limitrofo alla torre, e accedervi tramite un sistema di rampe e scale. (T16) Quest’ ultimo è stato progettato inserendo del verde e delle sedute in modo da rendere il cortile minore un ulteriore punto di incontro.
Per l’interno ci siamo soffermate sulla progettazione di una sala espositiva all’ interno delle stalle. In particolare è stata posta l’attenzione sulle mangiatoie perimetrali che ci raccontano la funzione che il luogo svolgeva un tempo e nella proposta riacquistano valore diventando parte integrante dell’esposizione. (T17)

Annalisa Gulino, Gaia Del Vecchio, Ludovica Gianni »

Antonio Barcella
www.collianiene.org
news@collianiene.org

 

I LIBRI DI ANTONIO BARCELLA

Fuga oltre le Colonne d'Ercole

Libreriauniversitaria.it
Mondadori Store
La Feltrinelli
Vertigo Bookshop
Amazon (15,10 €)

Il quinto Evangelista

Amazon (11,96 €)

Tre nel sessantotto

Amazon (11,44 €)

La collera del cielo

Amazon (11,44 €)

Là dove il fiume volge verso il mare

Amazon (9,36 €)

Articoli letti: 1001000    

clicca mi piace su Facebook

 

Tutti i libri di Antonio Barcella sono acquistabili con la “carta del docente” o con il “bonus cultura

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

 

IN PRIMO PIANO

CONCORSO LETTERARIO CATERINA MARTINELLI

Scaduto 30 giugno 2021

8° edizione (2021)... scarica il Regolamento

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org