Home  A.C. Vivere a Colli Aniene Territorio Segnalazioni Newsletter Le vostre e-mail Fotografie Archivio Notizie Libri Concorso Letterario

Assessora Alfonsi: “Aree verdi sfalciate a metà? Non ci siamo sbagliati, è una scelta"

28 maggio 2024 - L'assessora all'Ambiente di Roma Capitale Sabrina Alfonsi spiega i benefici che comporterebbe il cosiddetto "taglio differenziato". Una spiegazione che non convince soprattutto perché abbiamo marciapiedi e rotatorie invasi dalle erbacce che, in molti casi, rappresentano un rischio per la sicurezza.
Perché il verde non è stato sfalciato?Ci sono delle porzioni di verde che sono lasciate incolte non perché ci siamo dimenticati di sfalciarle – ha spiegato l’assessora all’ambiente Sabrina Alfonsi, in occasione della giornata internazionale della biodiversità, - abbiamo scelto di effettuare tagli ridotti dell’erba per consentire alle piante di completare il loro ciclo vegetativo”.
I vantaggi di questa scelta, difesa dall’amministrazione, sarebbero molteplici. “Questa pratica di gestione del verde pubblico - ha dichiarato l’assessora capitolina – serve a tutelare gli insetti impollinatori a evitare l’erosione del suolo, a migliorare la qualità dell’aria, a ridurre le isole di calore e a preservare le piante autoctone”. Le porzioni di prato non tagliate presenti in tutta la città, quindi, sono lasciate in quelle condizioni per effetto di una strategia adottata dal Campidoglio.
Tutto questo sarebbe vero, se queste aree verdi fossero poste al di fuori dei quartieri; invece, basta guardarsi intorno per vedere erbacce che crescono rigogliose sui marciapiedi o ai loro margini e sono talmente alte da poter costituire un problema di sicurezza. Questa scelta, per molti cittadini, appare più un modo di risparmiare sui servizi e non una scelta ecologica. Non si difendono gli insetti impollinatori creando aree degradate in tutti i quartieri della capitale. Se veramente fossero stati individuati in tutti i municipi dei luoghi dove mettere in pratica questi sfalci selettivi e differenziati, potrebbe essere una buona scelta per preservare la biodiversità, ma la realtà è molto diversa, basta osservare l’ambiente vicino casa per vedere erbacce e rovi crescere dappertutto eccetto che sulle aree gestite autonomamente dai cittadini.

Certamente non tutti saranno d'accordo su quanto abbiamo riportato ma noi siamo abituati ad esprimere le nostre opinioni anche se non sono condivise da tutti. Noi vogliamo una città a misura dei cittadini senza degrado ed incuria, ormai diffusi dappertutto.

 

I LIBRI DI ANTONIO BARCELLA

Fuga oltre le Colonne d'Ercole

Amazon (15,10 €)

Il quinto Evangelista

Amazon (11,96 €)

Tre nel sessantotto

Amazon (11,44 €)

La collera del cielo

Amazon (11,44 €)

Là dove il fiume volge verso il mare

Amazon (9,36 €)

Racconti e leggende all’ombra della Torre della Cervelletta

Amazon (8,32 €)

Articoli letti: 3000523    

clicca mi piace su Facebook

   

Tutti i libri di Antonio Barcella sono acquistabili con la “carta del docente” o con il “bonus cultura

www.collianiene.org - © copyright riservato - riproduzione vietata

Redazione giornale web 331-1333652

 

 

IN PRIMO PIANO

Omaggio a Caterina Martinelli da poeti e scrittori di tutta Italia

Book Crossing ‘fai da te” presso la sala Mario Falconi in Largo Nino Franchellucci, 69 (dietro la Coop). Ogni giorno dalle 16,00 alle 19,00 e durante le aperture straordinarie della sala Falconi potrete prelevare il vostro libro gratuitamente e senza alcuna tracciatura. Tanti libri tutti per te.

I nostri soci Sostenitori
Questo spazio può essere tuo aderendo come Socio Sostenitore all'Associazione Vivere a Colli Aniene. Leggi come è possibile dare il tuo sostegno
L'associazione Vivere a Colli Aniene cerca persone volontarie che vogliano cimentarsi nel giornalismo, nel sociale e nella cultura a titolo gratuito. Per ulteriori informazioni rivolgersi a associazione@collianiene.org